Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino
 Home Page » Speciali » Convegno Firenze 2015 » Convegno ecclesiale di Firenze : preghiera ecumenica e incontro dei delegati con la Città 
Convegno ecclesiale di Firenze : preghiera ecumenica e incontro dei delegati con la Città   versione testuale
Programma di giovedì 12 novembre 2015; pomeriggio "in uscita". Venerdì 13 la chiusura

A Firenze prosegue anche nella giornata di giovedì 12 novembre 2015 l’approfondimento nei gruppi di lavoro, sulla scia di quanto chiesto martedì da Papa Francesco e offerti mercoledì 11 dalle relazioni di Mauro Magatti e Giuseppe Lorizio.

In apertura dei lavori mons. Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, ha presieduto un momento di preghiera ecumenica, arricchito dalle riflessioni di Padre Georgij Blatinskij (Arciprete della Chiesa Ortodossa Russa di Firenze) e di Letizia Tomassone (Pastora della Chiesa Valdese di Firenze) e poi da saluti di Joseph Levi (Rabbino Capo della Comunità Ebraica di Firenze) e di Izzedin Elzir (Imam di Firenze e Presidente dell’Unione delle Comunità Islamiche d’Italia).
 
Alle 15.30 i delegati del Convegno visiteranno 30 siti in diversi punti della città di Firenze, individuati dalla diocesi che ospita il Convegno come espressione e testimonianza del proprio impegno spirituale, sociale e culturale.

Si tratta di trenta esperienze di ‘vita buona’, con i loro aspetti positivi e le loro eventuali fragilità, da quelle delle origini del cristianesimo a Firenze a quelle odierne, suddivise in tre grandi ambiti: Firenze e la sua Chiesa: storia e testimoni, Vita pastorale nella Chiesa fiorentina oggi, Realtà ed esperienze sociali e culturali a Firenze. Ogni incontro è introdotto da un video di presentazione.

Aree tematiche:
1) Firenze e la sua Chiesa: storia e testimoni
Un invito alla riscoperta delle radici, dalle esperienze religiose, caritative e culturali del Medioevo e del Rinascimento fino alle figure-simbolo che hanno plasmato l’identità della Chiesa fiorentina nel Novecento, come il cardinale Elia Dalla Costa, don Giulio Facibeni, Giorgio La Pira e don Lorenzo Milani.
 
2) Vita pastorale nella Chiesa fiorentina oggi
Passando al presente, non si può prescindere dal fatto che il vero volto di Firenze lega insieme fede, verità o ricerca umana di essa, carità: da qui una fede operante nel tempo, capace di interlocuzione con la cultura e il mondo d’oggi, e una pastorale contrassegnata da moderne esperienze nella catechesi, dall’evangelizzazione dei giovani e degli adulti anche attraverso i mezzi di comunicazione sociale, che presenta forme di spiritualità e di vita monastica, non chiuse in se stesse, ma che agiscono come ‘finestre aperte’ su Firenze, attente ai suoi mutamenti ed alle sue emergenze; impegnate anche nell’ecumenismo e nel dialogo interreligioso che la Diocesi sviluppa sulla spinta della crescente presenza di nuovi immigrati in fuga dalle guerre. Un tessuto su cui si innesta la carità, ben radicata nella tradizione fiorentina – come dimostra la Misericordia, presente dal 1224 ­– ma che deve svilupparsi anche per l’evolversi delle povertà.
 
3) Realtà ed esperienze sociali e culturali a Firenze
Non meno significative le esperienze sociali e culturali che proprio al mondo della carità sono spesso contigue: alcune delle più significative riguardano infatti l’assistenza e la cura della salute delle persone e in particolare dei soggetti più fragili come gli anziani, ma anche l’integrazione degli studenti stranieri provenienti da Paesi in via di sviluppo (Centro Internazionale La Pira) o il recupero dei detenuti nella Casa circondariale a custodia attenuata “Mario Gozzini” nota come “Solliccianino”. Ma grande importanza, nella città culla dell’arte, della cultura e della scienza, riveste anche il rapporto di queste tre dimensioni con la fede. Su questo versante ci sarà innanzitutto occasione, per i convegnisti, di ammirare il nuovo Museo dell’Opera di Santa Maria del Fiore, che sarà inaugurato il 29 ottobre, ma anche di incontrare musei e gallerie d’arte nonché biblioteche e fondazioni culturali, come anche esperienze meno conosciute ma capaci, come le altre, di confrontarsi e di cooperare con la vocazione umanistica della Chiesa.
 
Altre notizie e approfondimenti nello speciale "Firenze 2015" e sul sito ufficiale del 5 Convegno ecclesiale nazionale.

.