Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Ufficio
Missionario

Seguici su
facebooktwitterrssyoutubemail

Giornata Missionaria Mondiale

La Comunità Cristiana riscoprendo la sua vocazione missionaria si dispone all'evangelizzazione ed alla condivisione. La Giornata è un'occasione per partecipare alla Cooperazione Missionaria tra le Chiese di tutto il mondo.
facebooktwittergoogle_pluspinterest
La storia:
 
Nel 1926, l’Opera della Propagazione della Fede propose a Papa Pio XI di indire una giornata annuale in favore dell’attività missionaria della Chiesa universale. La richiesta venne accolta con favore e l’anno successivo (1927) fu celebrata la prima “Giornata Missionaria Mondiale per la propagazione della fede”, stabilendo che ciò avvenisse ogni penultima domenica di ottobre. La celebrazione annuale della Giornata Missionaria Mondiale è un’importante occasione per riportare l’attenzione sui numerosi bisogni materiali delle cosiddette Chiese di missione e richiamare la responsabilità di ognuno. “La colletta, che nella Giornata Missionaria Mondiale viene fatta in tutte le parrocchie, sia segno di comunione e di sollecitudine vicendevole tra le Chiese” (Benedetto XVI).
 
Le finalità:
 
Alle Pontificie Opere Missionarie è chiesto di assicurare che tutte le comunità, soprattutto le più piccole, povere e lontane, possano ricevere gli aiuti di cui hanno bisogno. La dimensione universale è una caratteristica fondamentale della Chiesa. Per questo, le offerte pervenute vanno a confluire nel cosiddetto Fondo Universale di Solidarietà e vengono poi adeguatamente ripartire trae le giovani Chiese di missione, secondo i bisogni di ciascuna.
Il Fondo Universale di Solidarietà delle Pontificie Opere Missionarie è la somma totale di tutte le offerte ricevute durante l’anno dai fedeli dei vari Paesi del mondo, destinate alle Chiese:
• di nuova o recente costituzione, per agevolarne il primo sviluppo;
• prive di una piena autonomia finanziaria;
• in situazioni di emergenza, dovute a guerre, carestie o calamità naturali.
 
 
Le azioni:
 
Per rispondere alle esigenze primarie dell’evangelizzazione, senza trascurare la promozione umana e lo sviluppo, le Pontificie Opere Missionarie si impegnano a:
• sostenere gli studi di seminaristi, sacerdoti, religiosi, suore e catechisti laici;
• costruire e mantenere seminari, cappelle e aule per la catechesi e le attività pastorali;
• assicurare assistenza sanitaria, educazione scolastica e formazione cristiana ai bambini;
• sovvenzionare radio, televisioni e stampa cattolica locali;
• fornire mezzi di locomozione ai missionari, ai sacerdoti, ai religiosi, alle suore e ai catechisti locali.