Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
facebooktwitterrssyoutubemail

Fidanzati in cammino

facebooktwittergoogle_pluspinterestmail
«L’arte di amare». È il tema che lega i corsi di preparazione al matrimonio che ogni anno si tengono a Casalborgone aperti alle comunità dei comuni limitrofi e a tutta l’Unità pastorale 60. «Come comunità parrocchiali – sottolineano i diaconi Ettore Bastianini e Roberto Gassino, coordinatori del cammino – abbiamo pensato di proporre un unico percorso per un territorio molto ampio in modo da favorire maggiore partecipazione e soprattutto la condivisione e il dialogo tra coppie in un gruppo.
 
Oltre alle giovani coppie che prima del matrimonio risiedono già nei nostri paesi – osservano – sono numerose quelle che vengono a vivere qui e che chiedono dunque di iniziare ad inserirsi nella comunità già a partire dalla preparazione alle nozze. Ci sono poi altre coppie che semplicemente si sposano presso il castello di San Sebastiano e che dunque chiedono di unirsi al nostro percorso». Il cammino prevede un incontro al mese di una serata da ottobre a marzo, e la conclusione con un week-end di ritiro nel mese di aprile.
 
Gli incontri sono ospitati a casa del diacono Bastianini per facilitare un clima di famiglia, i parroci delle diverse comunità si alternano nella partecipazione alle serate. «Il percorso – evidenzia Bastianini – parte dai doni che Dio fa a ciascuno, dalla scoperta dei propri talenti da condividere nella coppia. Si sviluppano poi gli aspetti dell’arte di donare, di amare, di ascoltare e del dialogo. Si invitano le coppie a non avere paura del per sempre – come ha sottolineato Papa Francesco incontrando i fidanzati lo scorso febbraio – a costruire insieme il proprio amore quotidiano sostenuti dall’amore del Signore. Infine si risponde alla domanda sul perché e sul significato del matrimonio cristiano».
 
Il prossimo percorso partirà nel mese di ottobre, per informazioni contattare il diacono Ettore Bastianini: tel. 011.9174727.
 
Stefano DI LULLO
Testo tratto da «La Voce del Popolo» del 27 aprile 2014