Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
facebooktwitterrssyoutubemail

«L’Amore lascia il segno»: ecco le tappe del cammino verso il Sinodo 2018

Sei pacchetti per i giovani. Iscrizioni da metà febbraio
Giovani davanti alla Sindone durante l’Ostensione del 2015 (foto: Renzo Bussio)
facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

«L’Amore lascia il segno» è tema del cammino verso il Sinodo 2018 per le diciassette Diocesi della Regione Ecclesiastica di Piemonte e Valle d’Aosta che stanno organizzando la proposta specifica per i loro giovani, coordinate dalla Consulta Regionale di Pastorale Giovanile. Ogni regione Ecclesiastica d’Italia, infatti, sta predisponendo i suoi percorsi, per convergere a Roma all’incontro con il Papa.

 

8-9 agosto 2018

Nei giorni immediatamente precedenti al 9 agosto 2018 avranno luogo i cammini diocesani, secondo percorsi e tappe significative nei singoli territori.

Per l’Arcidiocesi di Torino si sta definendo la proposta, che offrirà un suggestivo itinerario dalla Sacra di San Michele (Sant’Ambrogio di Susa) ai laghi di Avigliana, all’abbazia di Sant’Antonio di Ranverso.

 

Giovedì 9 agosto

Nella giornata del 9 agosto i diversi cammini giungeranno alla Reggia della Venaria Reale, parte del sito seriale UNESCO iscritto alla Lista del Patrimonio dell’Umanità: qui, attraverso il linguaggio dell’arte, i giovani vivranno una serata di preghiera (S. Messa, adorazione eucaristica, confessioni).

 

Venerdì 10 agosto

Venerdì 10 i giovani in cammino saranno a Torino, dove potranno scegliere tra diverse proposte di interesse spirituale e culturale. Nel pomeriggio il ritrovo sarà presso il Santuario di Maria Ausiliatrice a Valdocco.

 

Notte di venerdì 10 agosto: venerazione della Sindone

In serata, presso Cattedrale di Torino, i giovani giungeranno al momento culminante del cammino, prima dell’incontro con il Papa a Roma: la venerazione della Sacra Sindone.

Nella notte tra il 10 e l’11 viaggeranno in autobus privato verso per Roma e, nei giorni di sabato 11 e domenica 12 agosto, i giovani parteciperanno alle iniziative del programma indicato dalla Conferenza Episcopale Italiana.

 

Sabato 11 agosto

Sabato 11, in mattinata, è prevista la S. Messa per il gruppo regionale di Piemonte e Valle D’Aosta, mentre tutta la giornata sarà a disposizione dei gruppi per la visita libera alla Città di Roma.

Nel pomeriggio sarà possibile accedere agli spazi per la Veglia dei giovani italiani con il Santo Padre presso il Circo Massimo, prevista per le ore 19, cui seguirà una festa dei giovani italiani (fin verso le 23 circa) e le iniziative della «Notte Bianca della fede» in Roma.

Per i giovani di Piemonte e Valle d’Aosta è stata prevista la sistemazione per la notte presso l’Istituto Salesiano Pio XI, in Via Umbertide, 11.

 

Domenica 12 agosto

La S. Messa in piazza San Pietro con Papa Francesco segnerà la conclusione del pellegrinaggio, con il rientro previsto in tarda serata o il proseguimento, per le Diocesi interessate, verso altre mete.

 

PACCHETTI

Saranno previsti sei pacchetti:

  1. Percorso intero Sacra San Michele – Roma (8-12 agosto)
  2. Percorso da Venaria a Roma (9-12 agosto)
  3. Percorso dalla Sindone a Roma (dal pomeriggio del 10 al 12 agosto)
  4. Percorso Sacra San Michele – Sindone (8-10 agosto)
  5. Percorso da Venaria alla Sindone (9-10 agosto)
  6. Percorso solo weekend (dalla notte tra il 10 e l’11 al 12 agosto).

 

Anche le quote pacchetti sono prossime alla definizione e saranno comprese tra un massimo di 170-180 euro tutto compreso per i cinque giorni e un minimo di circa 130-140 euro per il solo weekend.

Le iscrizioni saranno possibili da metà febbraio, non appena verranno aperte dalla Conferenza Episcopale Italiana.

È stato attivato il sito dedicato al cammino dei giovani di Piemonte e Valle d’Aosta: www.sinodo2018.it, insieme a tutti i corrispondenti canali social, quali Facebook, Twitter, Instagram e Telegram.

Per informazioni e richieste: info@sinodo2018.it, Tel: (+39) 011 51563

 

In allegato lo speciale sui quattro cammini, pubblicato su “La Voce E il Tempo” del 18 febbraio 2018.