Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
facebooktwitterrssyoutubemail

«Piano emergenza freddo»: disponibili 800 posti letto anche in Arcivescovado

Con Protezione civile, Polizia Municipale, Città della Salute, Asl
facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

L’assessorato alle Politiche sociali della Città di Torino ha messo a punto il «Piano emergenza freddo 2017-2018», che sarà in vigore fino a fine marzo, realizzato in sinergia con la Protezione civile, la Polizia Municipale, la Città della Salute, l’Asl e la Diocesi torinese. Il pacchetto di interventi straordinari prevede la disponibilità di 800 posti letto, attraverso l’incremento di quelli nei centri comunali e nelle associazioni del privato sociale aperti tutto l’anno, e all’allestimento di strutture temporanee di accoglienza, come il ricovero presso il Parco della Pellerina, i cui posti nei moduli abitativi vengono diminuiti da 150 a 60. Per reperire maggiori posti letto in strutture cittadine, ed evitare di ricorrere a soluzioni emergenziali come i moduli abitativi allestiti nei parchi, si procederà ad un protocollo d’intesa tra Comune, Diocesi, attraverso la Caritas diocesana, e Città della Salute, che verrà firmato nei prossimi giorni.

 

Sarà attrezzato anche l’Arcivescovado per l’accoglienza. Per quanto riguarda il lavoro svolto in strada, è previsto il potenziamento della Boa Urbana Mobile e dei servizi dell’ambulatorio sociosanitario Gamba in via Sacchi 49, gestito in collaborazione con l’Asl. Il Piano offre, inoltre, la possibilità ad associazioni e onlus di presentare progetti di ospitalità temporanea della durata massima di dodici mesi che prevedano l’accoglienza in strutture residenziali, in alloggi di proprietà dei propri enti o anche di privati cittadini, sempre sotto il coordinamento delle singole organizzazioni del terzo settore.

 

È possibile segnalare la presenza di persone senza dimora che si trovino in situazioni di difficoltà e abbiano bisogno di aiuto telefonando alla Polizia Municipale, tel. 011.0111, o inviando una mail ai servizi sociali della Città, adulti@comune.torino.it.

 

Stefano DI LULLO

(testo tratto da «La Voce E il Tempo» del 5 novembre 2017)