Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
facebooktwitterrssyoutubemail

Settimana del clero, discernimento e vita

A Spotorno dall’8 al 12 gennaio 2018
ROMA 02-09-2010 CEI COMUNIDARE- CAMPUS PER SEMINARISTI CORSO STUDIO INTEGRATO SUL ‘ SOVVENIRE’ PH: CRISTIAN GENNARI
facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

La tradizionale settimana di aggiornamento del clero si tiene a Spotorno dall’8 al 12 gennaio sul tema «Discernimento: un’arte necessaria». La necessità di valutare ciò che è bene in una determinata situazione, quale scelta compiere tra le diverse possibili, è parte della vita quotidiana, a più livelli.

La settimana intende soffermarsi sulla realtà del discernimento, così spesso evocata nel magistero di Papa Francesco, sia a livello di cammini personali che di cammini ecclesiali. Si tratta di verificarne i presupposti teologici e le implicazioni spirituali e pastorali. Sapendo che si tratta di un’arte e non di una tecnica: un’abilità in cui crescere, senza illusori automatismi.

Questo il programma: lunedì 8 pomeriggio: «Il discernimento all’interno della teologia di Papa Francesco» (M. Gronchi); martedì 9 mattina: «Lo Spirito Santo e le sue necessarie mediazioni» (L. Casula), pomeriggio: «La vita nello Spirito come presupposto di ogni discernimento (gesuita)»; mercoledì 10 mattina: «Il discernimento comunitario» (R. Repole) e al pomeriggio laboratori. Giovedì 11 mattina: «Il ruolo decisivo della coscienza» (A. Fumagalli), pomeriggio: «Il discernimento personale, con particolare riferimento ad alcuni casi particolari considerati in Amoris Laetitia» (A. Giraudo). Venerdì 12 mattina: incontro con l’Arcivescovo.

I laboratori saranno: la gestione dei consigli ecclesiali di partecipazione, specie i Cpp (A. Torresin); la valorizzazione pastorale del Terp (A. Giraudo); discernimento vocazionale e accompagnamento dei ragazzi e dei giovani (gesuita), discernimento e new media (A. Riccadonna).

Ogni relazione potrà dispiegarsi per un tempo di 2 ore e mezza (9.30-12 se al mattino; 15.30-18 se al pomeriggio), comprensive di 30 minuti di pausa e di un congruo spazio per il dibattito. Per quanto riguarda i laboratori, si svolgeranno contemporaneamente, a gruppi, per due volte, tra le 15 e le 18: ogni laboratorio durerà circa un’ora, 40 minuti affidati al relatore e 20 minuti alle interazioni. A metà novembre, sarà chiesta ai relatori una bibliografia divulgativa minima da mettere a disposizione dei partecipanti.

Per informazioni robertorepole@libero.it; germgal@tiscali.it.

 

Programma in allegato.