Menu

Nel 1926, l'Opera della Propagazione della Fede propose a Papa Pio XI di indire una giornata annuale in favore dell’attività missionaria della Chiesa universale. La richiesta venne accolta con favore e l’anno successivo (1927) fu celebrata la prima “

Giornata Missionaria Mondiale per la propagazione della fede, stabilendo che ciò avvenisse ogni penultima domenica di ottobre. La celebrazione annuale della Giornata Missionaria Mondiale è un’importante occasione per riportare l’attenzione sui numerosi bisogni materiali delle cosiddette Chiese di missione e richiamare la responsabilità di ognuno.  La colletta, che nella Giornata Missionaria Mondiale viene fatta in tutte le parrocchie, sia segno di comunione e di sollecitudine vicendevole tra le Chiese” (Benedetto XVI).

Le finalità:

Alle Pontificie Opere Missionarie è chiesto di assicurare che tutte le comunità, soprattutto le più piccole, povere e lontane, possano ricevere gli aiuti di cui hanno bisogno. La dimensione universale è una caratteristica fondamentale della Chiesa. Per questo, le offerte pervenute vanno a confluire nel cosiddetto Fondo Universale di Solidarietà e vengono poi adeguatamente ripartire trae le giovani Chiese di missione, secondo i bisogni di ciascuna.

Il Fondo Universale di Solidarietà delle Pontificie Opere Missionarie è la somma totale di tutte le offerte ricevute durante l’anno dai fedeli dei vari Paesi del mondo, destinate alle Chiese:

di nuova o recente costituzione, per agevolarne il primo sviluppo;

prive di una piena autonomia finanziaria;

in situazioni di emergenza, dovute a guerre, carestie o calamità naturali.

Le azioni:

Per rispondere alle esigenze primarie dell’evangelizzazione, senza trascurare la promozione umana e lo sviluppo, le Pontificie Opere Missionarie si impegnano a:

sostenere gli studi di seminaristi, sacerdoti, religiosi, suore e catechisti laici;

costruire e mantenere seminari, cappelle e aule per la catechesi e le attività pastorali;

assicurare assistenza sanitaria, educazione scolastica e formazione cristiana ai bambini;

sovvenzionare radio, televisioni e stampa cattolica locali;

fornire mezzi di locomozione ai missionari, ai sacerdoti, ai religiosi, alle suore e ai catechisti locali.

A livello nazionale ogni anno Fondazione Missio Italia mette a disposizione numerosi strumenti e per la formazione a l'animazione dell'Ottobre Missionario, online sul sito e disponibile in carteceo presso l'Ufficio Missionario Diocesano:

“Testimoni e profeti”. E’ questo lo slogan ideato dalla Direzione nazionale delle Pontificie Opere Missionarie per la Giornata Missionaria Mondiale 2021 (GMM 2021).
Nel testo che segue, il direttore don Giuseppe Pizzoli spiega il motivo della scelta e approfondisce il tema della testimonianza e della profezia, in linea con il Messaggio scritto da papa Francesco per la GMM 2021. 

Il mese di ottobre, nella Chiesa italiana, è particolarmente dedicato alla preparazione e alla celebrazione della Giornata Missionaria Mondiale che ricorre sempre nella penultima domenica del mese. Ogni anno questo appuntamento vuole alimentare la fraternità universale della Chiesa, ossia la comunione con tutte le Comunità Cristiane sparse nel mondo, oltre all’impegno di solidarietà con le Chiese di più recente formazione, con quelle che vivono nei paesi più poveri e con quelle che soffrono persecuzione.
Inoltre, dal punto di vista pastorale, il “mese missionario” diventa l’occasione per aiutare le nostre comunità cristiane e i tutti i credenti ad alimentare la propria “missione” nella Chiesa e nel mondo.

Il tema che proponiamo per l’ottobre missionario di quest’anno viene a completare un percorso triennale di formazione missionaria che abbiamo pensato come sviluppo del Mese Missionario Straordinario voluto da Papa Francesco nel 2019. Per comprendere meglio il senso e il valore del tema proposto è bene ricordare la sequenza:

  • “Battezzati e inviati”: riscoprire la vocazione missionaria che è di tutti i battezzati (2019);
  • “Tessitori di Fraternità”: vivere il progetto di Gesù come discepoli che amano come Lui ha amato (2020);
  • “Testimoni e Profeti”: annunciare il Regno di Dio, che verrà e che è già germogliato in mezzo a noi (2021).

TESTIMONI E PROFETI: siamo chiamati a guardare questo tempo che viviamo e la realtà che ci circonda con occhi di fiducia e di speranza. Siamo certi che, anche nel mezzo della pandemia e delle crisi conseguenti che ci accompagneranno per molto tempo ancora, il Signore non ci ha mai abbandonato e continua ad accompagnarci. Il Regno di Dio non è solo una promessa per un futuro che sentiamo ancora troppo lontano. Il suo Regno è già inaugurato, è già presente: ne sappiamo leggere i segni e, da autentici missionari, lo facciamo conoscere perché sia una speranza rigeneratrice per tutti.

Anche il Messaggio di Papa Francesco per la Giornata Missionaria Mondiale ci esorta ad essere testimoni e profeti, con lo stesso coraggio di Pietro e Giovanni che, davanti ai capi del popolo e agli anziani, non hanno paura di dire: «Non possiamo tacere quello che abbiamo visto e ascoltato» (At 4,20). Papa Francesco dice: “Nel contesto attuale c’è bisogno urgente di missionari di speranza che, unti dal Signore, siano capaci di ricordare profeticamente che nessuno si salva da solo. Come gli Apostoli e i primi cristiani, anche noi diciamo con tutte le nostre forze: «Non possiamo tacere quello che abbiamo visto e ascoltato» (At 4,20)”. E più avanti Papa Francesco aggiunge: “I primi cristiani, lungi dal cedere alla tentazione di chiudersi in un’élite, furono attratti dal Signore e dalla vita nuova che Egli offriva ad andare tra le genti e testimoniare quello che avevano visto e ascoltato: il Regno di Dio è vicino. Lo fecero con la generosità, la gratitudine e la nobiltà proprie di coloro che seminano sapendo che altri mangeranno il frutto del loro impegno e del loro sacrificio. Perciò mi piace pensare che «anche i più deboli, limitati e feriti possono essere [missionari] a modo loro, perché bisogna sempre permettere che il bene venga comunicato, anche se coesiste con molte fragilità”.

Il materiale preparato dalla Direzione nazionale delle Pontificie Opere Missionarie insieme alle altre articolazioni della Fondazione Missio, a servizio delle Diocesi, delle parrocchie e di tutte le comunità cristiane, ci aiuti come Chiesa italiana a vivere in «uno stato permanente di missione» (EG 25).

L’ANIMATORE MISSIONARIO 2-3/2021 

SPUNTI DI RIFLESSIONE SUL TEMA “Testimoni e profeti” PER L’ANNO PASTORALE 2021/2022

Testimoni e profeti. Convertire i nostri occhi a Gesù per umanizzare il mondo di don Armando Matteo

Profeti e testimoni,  profili del medesimo volto di don Ezio Falavegna

Profeti e testimoni secondo Geremia di don Nicola Agnoli

STRUMENTI DI ANIMAZIONE E PREGHIERA PER L’OTTOBRE MISSIONARIO 2021

Veglia missionaria

Rosario missionario

Adorazione Eucaristica

Video-testimonianze sul tema “Testimoni e profeti” per l’ottobre missionario 2021

Schede didattiche di approfondimento ai video ed interviste correlate

Celebrazione del mandato missionario per bambini e ragazzi

COME DONARE

In contanti o con assegno (intestato a “Ufficio Missionario Diocesano”)

presso la nostra Sede:  Via Val della Torre, 3 – 10149 Torino – Tel.011.51.56.372/374

E-mail: animiss@diocesi.torino.it

 

Con Bonifico Bancario

Intestazione:  ARCIDIOCESI DI TORINO – UFF.MISSIONARIO

Banca:  BANCA INTESA SAN PAOLO

C/C 100000110790

IBAN IT28 U030 6909 6061 0000 0110 790

BIC BCITITMM

 

Con Bollettino Postale

c/c n. 17949108 intestato a UFFICIO MISSIONARIO DIOCESANO

condividi su