Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail
20 Ottobre 2021

A Spotorno in ascolto degli stranieri della porta accanto

Settimana di formazione del presbiterio diocesano dal 10 al 14 gennaio 2022. Iscrizioni entro il 17 dicembre 2021
Il lungomare di Spotorno in inverno
Facebooktwitterpinterestmail

Dopo l’interruzione del 2021, causa Covid, torna dal 10 al 14 gennaio 2022 la settimana a Spotorno dedicata alla formazione permanente del clero. Torna mettendo a tema una questione al centro della trasformazione della nostra società italiana, con inevitabili ripercussioni ecclesiali: l’aumento costante del numero di cittadini di origine straniera, in particolare extraeuropea, nei nostri quartieri, nelle nostre città, nei nostri paesi, forse nelle nostre comunità.

La questione è messa a tema, talvolta con una certa approssimazione, nei dibattiti politici (magari facendola coincidere con il risvolto della sicurezza), l’attenzione ecclesiale si muove generosamente sul registro dell’accoglienza, raramente ci si sofferma a considerare quali mondi (con le rispettive ricchezze e specificità) si stiano incontrando e quale tipo di incontro stia avvenendo o meno. Dopo esserci soffermati, in anni passati, sul pluralismo religioso che il fenomeno migratorio comporta, in questo percorso di formazione ci metteremo in ascolto di voci ecclesiali di aree culturali e geografi che differenti, per verificare le concezioni di altri popoli – diventati nostri vicini di casa – circa il denaro, il lavoro, la famiglia, la donna, i fi gli, lo Stato, le relazioni, la fede…

In particolare, ascolteremo che cosa pensano del nostro Occidente, quali aspetti riconoscono come attraenti e quali come sconcertanti. E, mentre li ascolteremo, avremo modo di lasciar affiorare le opinioni che sono maturate dentro di noi a loro riguardo negli anni. A parlarci del mondo africano sarà padre Godfrey Msumange, missionario della Consolata, per alcuni anni parroco a Torino (Maria Speranza Nostra); al mondo cinese ci accosteremo attraverso la presentazione di don Giuseppe Zhang, referente della comunità cattolica cinese in arcidiocesi di Milano; alle varie sfumature del mondo arabo ci introdurrà don Tino Negri (Centro Peirone, Torino); all’ascolto del mondo filippino ci accompagnerà padre Charles Manlagit, il salesiano che segue la comunità fi lippina a Torino (San Giovannino).

Due relazioni ci consentiranno di inquadrare i variegati contenuti delle testimonianze offerte dentro un’adeguata consapevolezza. La professoressa Carla Canullo (Università di Macerata) ci offrirà le categorie per imparare l’arte della traduzione, facendo in modo che un ascolto autentico dei «lontani ormai vicini» arricchisca davvero la nostra (e la loro) identità. Don Andrea Pacini (della nostra Facoltà teologica) ci aiuterà a focalizzare che cosa stia avvenendo o non stia avvenendo nella nostra società e nella Chiesa in termini di integrazione degli stranieri immigrati. Nel corso della settimana, alcuni laboratori consentiranno di gettare luce su alcune realtà della vita quotidiana già segnate, perlomeno in alcuni contesti, dalla pluralità etnica: la scuola, il cortile dell’oratorio, il lavoro, la questione femminile.

Le conclusioni saranno affidate all’intervento del nostro Arcivescovo nella mattinata fi nale. Ancor più dopo le pause e gli annullamenti degli appuntamenti sperimentati nelle fasi acute della pandemia, siamo consapevoli della necessità di momenti distesi e gratuiti nella vita del nostro presbiterio. La settimana di Spotorno è fatta anche di quattro passi condivisi lungo il mare, un fi lm visto in compagnia, brevi o lunghe chiacchierate a tavola o nei tempi distesi: la fraternità di un presbiterio si costruisce anche così, riducendo le distanze che tendono ad allontanarci.

Per questo, accanto alla possibilità di riflessione su una dimensione significativa del nostro tempo, ci faremo aiutare – come sempre – dall’accoglienza della terra ligure e dall’accoglienza reciproca tra i partecipanti.

La settimana è aperta a tutti i presbiteri, le iscrizioni sono in corso presso l’Area Evangelizzazione e Famiglia della Curia (formazionepretitorino@diocesi.torino.it) fino al prossimo 17 dicembre.

Germano GALVAGNO

(da «La Voce E il Tempo» del 24 ottobre 2021)