Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Vicariato per la
Vita consacrata

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram

Fratel Giuseppe Visconti confermato superiore generale dei Fratelli cottolenghini

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Il decimo Capitolo generale dei Fratelli cottolenghini, riunito da lunedì 9 settembre presso la Casa di spiritualità «Mater Unitatis» di Druento (To), sabato 14 settembre ha confermato fratel Giuseppe Visconti superiore generale dei Fratelli del Cottolengo per un altro sessennio.

L’incontro, sul tema «Convocati da Dio in fraternità per il servizio dei poveri», aperto il 9 settembre con la Messa presieduta dal padre generale della Piccola Casa della Divina Provvidenza don Carmine Arice, è un importante momento di discernimento e programmazione che riguarda da vicino tutta la famiglia carismatica cottolenghina sparsa nel mondo. Alla Messa di apertura ha preso parte anche la superiora generale delle suore di S.G.B. Cottolengo madre Elda Pezzuto.

L’Arcivescovo di Torino mons. Cesare Nosiglia mercoledì 11 settembre ha incontrato i fratelli cottolenghini riuniti a Druento per il Capitolo generale.

Fratel Giuseppe Visconti

Fratel Giuseppe Visconti nasce il 31 gennaio 1953 a Vaprio D’Agogna (No). Entra nella Congregazione dei Fratelli del Cottolengo il 28 luglio 1977 ed emette la Prima professione il 25 aprile 1980. Inserito nella Comunità dei fratelli cottolenghini di Torino svolge, fino al 1988, il servizio di assistenza infermieristica a persone anziane e disabili in diverse strutture. È incaricato per la formazione dei giovani che si preparano alla consacrazione tra i fratelli. Il 2 gennaio 1988 è inviato dalla Congregazione ad avviare la prima presenza missionaria dei Fratelli in Ecuador, nella regione di Esmeraldas. Vi rimane fino al 2002, quando dà inizio alla seconda Comunità, nella regione di Porto Viejo. Nel 2013, eletto superiore generale dei fratelli cottolenghini, rientra in Italia alla guida della Congregazione per un sessennio. Il 14 settembre 2019, il Decimo Capitolo generale dei Fratelli lo conferma per un secondo mandato.