Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Ufficio per la
Pastorale della Cultura

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
23 Giugno 2021

«Chi fermerà la musica?» sesto numero della rubrica «Lo spigolo tondo»

Articolo pubblicato su «La Voce E il Tempo» del 27 giugno 2021
Due ragazzi suonano sul balcone durante il primo lockdown in Italia a marzo 2020
Facebooktwitterpinterestmail

Suono, canto e scrivo musica da quando avevo circa dodici anni, e non mi sarei mai aspettato che un giorno mi dicessero: in pubblico, è vietato. Non poter più fare musica dal vivo: inconcepibile, fino a due anni fa. È stato un vero, piccolo dramma, anche se in mezzo ad altre tragedie ben più gravi. Chi suona dal vivo e ama farlo è rimasto spiazzato, interdetto, ha patito l’astinenza e ha dovuto inventarsi altre ‘cose’: i video, i balconi, le registrazioni. Perfino i Rolling Stones, con il loro video a distanza della mitica «You Can’t Always Get What You Want», hanno cercato di ribellarsi al virus maledetto. Bel tentativo: ma il palco è un’altra storia, perché è e resta una storia piena di fascino.

Si dice «chi vive di musica»… e si spalanca un mondo. In quella galassia ci sono le grandi stelle, che pur avendo dovuto rinunciare non hanno avuto grandi difficoltà; e poi una miriade di gruppi, gruppuscoli, band e ‘bandine’ non troppo note che però suona, canta, prova e organizza concerti, arrangia, e in un modo o nell’altro, della musica ci campa. Ciò che accomuna queste due categorie è il cosiddetto indotto. Il cantante o la band che vediamo sul palco è solo una piccola percentuale di chi rende possibile il concerto e lavora ‘dietro’ a quel concerto, di qualunque livello sia. Fonici, tecnico audio, tecnico luci, trasportatori, elettricisti e falegnami, fi no ad arrivare agli hotel e ai ristoranti.

Senza preavviso, tutto ciò si è come paralizzato, cristallizzato, messo in pause da un giorno all’altro.Che botta! Migliaia e migliaia di lavoratori fermi, senza nessuna tutela, nel panico. Il musicista almeno ha potuto suonare a casa, registrare, produrre comunque musica: ma è stato un palliativo, nulla a che vedere con la normale attività di un artista. Per tutti quanti, doppio danno, economico e psicologico… Chiedere a un cavallo di non correre vuole dire ucciderlo due volte. Ripartire, seppur in modo graduale, significherà finalmente rivedersi: fare le prove, unire di nuovo le creatività, stare insieme, usare gli occhi per capirsi al volo o litigare, prestare di nuovo la dovuta attenzione a tutti quei dettagli che danno forma a questo lavoro e generano quell’ora e mezza di concerto. Non recupereremo solo la musica, ma tutto ciò che le orbita magicamente intorno, ed è tantissimo.

Speriamo che tornino a riempirsi, insieme ai locali, anche le nostre anime e i nostri cuori e che tutti gli operatori dello spettacolo, con l’energia preziosa del loro lavoro, restituiscano alla musica il senso che ha. Naturalmente, i concerti non ‘li fanno’ solo i musicisti e tutti i professionisti coinvolti. Li fa anche il pubblico. Anche qui ci sarà da ripartire, e non sarà automatico: si tratterà di superare una buona dose di ansia, se non paura, di pigrizia casalinga, di nuove abitudini passive davanti allo schermo del pc. Insomma: per dirla con il verso di una canzone, «tocca a noi uscire, lasciare la poltrona».

Marco NIELOUD – musicista, autore, cantante (da «La Voce E il Tempo» del 27 giugno 2021)