Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Ufficio per le
Comunicazioni Sociali

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
29 Ottobre 2014

Presentazione del progetto di coabitazione CO-SISTER per famiglie numerose

Comunicato stampa del 29 ottobre 2014
Facebooktwitterpinterestmail
ARCIDIOCESI DI TORINO –  CURIA METROPOLITANA www.www.diocesi.torino.it Ufficio Comunicazioni Sociali Via Val della Torre 3, 10149 TORINO  TO Tel. 011.5156315 – cell. 3771168020
E- mail:comunicazioni@diocesi.torino.it;
Direttore don Livio Demarie

 

—————————
CONFERENZA STAMPA
E INVITO
—————————-

Qui trovate:
1- Invito alla conferenza stampa
2- Breve presentazione del progetto di coabitazione per famiglie numerose
3- Questo link: http://goo.gl/Ygh0io da cui “scaricare” l’invito.
 
1- I N V I T O :
Per presentare la sperimentazione di CO-SISTER ed inaugurare l’operatività del primo alloggio, Caritas Diocesana insieme alla Città di Torino e alla Cooperativa Synergica (ente gestore) INVITANO TUTTI GLI OPERATORI DEI MEDIA
 

Oggi, mercoledì 29 ottobre 2014
ore 12
presso l’alloggio CO-SISTER
Via Giacomo Dina, 47  –  Torino

 
PARTECIPERANNO:
Pierluigi Dovis – direttore Caritas Diocesana Torino Elide Tisi – Vicesindaco Città di Torino Emanuele Ferragatta –  Presidente Cooperativa Synergica
[INFO: Pierluigi Dovis – Caritas Diocesana  011.5156350 opp. 3498725079]
 
2- B R E V E     P R E S E N T A Z I O N E:
NUOVO PROGETTO CARITAS TORINO
DI COABITAZIONE PER FAMIGLIE NUMEROSE
 
A ventidue mesi dall’inizio del progetto Sis.Te.R. (Sistemazione Temporanea Residenziale), Caritas Diocesana di Torino amplia le opportunità di riparo transitorio per famiglie colpite dagli sfratti esecutivi con due appartamenti in cui verrà sperimentato un sistema di coabitazione abitativa per famiglie numerose.
 
Il progetto originario promuove e sostiene il raggiungimento dell’indipendenza abitativa attivando percorsi di accompagnamento allo scopo di fornire una risposta articolata alla domanda differenziata di soluzioni abitative. Fin’ora circa 100 persone accolte, il 42% composto da minori e alcuni casi di disabilità, sono transitate in 9 alloggi, mentre nella più ampia struttura di D.Or.Ho. di corso Principe Ododne 22 ne sono transitate circa 800.
 
Nel concreto servizio di prossimità alle povertà – vecchie e nuove – Caritas Diocesana ha rilevato una crescente difficoltà da parte di istituzioni e strutture residenziali non profit ad ospitare nuclei familiari numerosi che si trovano in uno stato di emergenza abitativa.
Gli stessi sono costretti a tempi di attesa molto dilatati prima di avere l’assegnazione di alloggio sociale, vista proprio la difficoltà di reperire alloggi idonei ad ospitare grandi famiglie. Grazie alla disponibilità della Città di Torino sono stati reperiti due appartamenti di ampia metratura in via Giacomo Dina e in via De Bernardi a Mirafiori Nord. Uno dei due alloggi può ospitare fino a 13 persone in cinque camere da letto, tre bagni, cucina, soggiorno e lavanderia. L’altro appartamento conta otto posti letto in tre camere e cucina.
 
“Leggo lì scritto grande ‘i poveri non possono aspettare’. E’ vero.
E’ questo mi fa pensare che Gesù è nato in una stalla non in una casa, dopo è dovuto fuggire in Egitto per salvare la vita, e alla fine è tornato a Nazaret. E questo mi fa pensare a tante famiglie senza casa, sia perché mai l’hanno avuta sia perché l’hanno persa per tanti motivi. Casa e famiglia vanno insieme: è molto difficile portare avanti una famiglia senza abitare in una casa. Invito tutti ad operare perché ogni famiglia possa avere una casa”. (Papa Francesco,
22.12.2013)

Su YouTube un servizio di Tv200 su progetto di co-housing sociale a Torino.