Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Ufficio per la Pastorale
Sociale e del Lavoro

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
2 Settembre 2021

FESTA DI SAN GIUSEPPE LAVORATORE E CUSTODE DELLA FAMIGLIA

18 – 19 settembre 2021 a Collegnoorganizzata dalla Commissione Pastorale Sociale del Lavoro e la Commissione Famiglia dell’U.P. 45 Collegno

In occasione del 150° anniversario della Dichiarazione di San Giuseppe quale Patron della Chiesa Universale, papa Francesco ha pubblicato la lettera Apostolica “Patris corde”. Nel contesto di questo anno speciale dedicato a San Giuseppe le comunità di Collegno rifletteremo e festeggeremo insieme

 

La Commissione Pastorale Sociale del Lavoro e la Commissione Famiglia dell’U.P. 45 Collegno con la collaborazione dell’Ufficio della Pastorale Sociale e del lavoro, Ufficio diocesano Pastorale per la Famiiglia e Movimento Lavoratori di Azione Cattolica hanno organizzato la

FESTA DI SAN GIUSEPPE LAVORATORE E CUSTODE DELLA FAMIGLIA

che si terrà dal

18 settembre – presso  presso l’oratorio Parrocchia San Lorenzo – Via Alpignano 1 – Collegno il     CONVEGNO SUL LAVORO

e il 19 settembre – presso Parrocchia Madonna dei Poveri Via Vespucci, 17 (piazzale) – Collegno  FESTA IN FAMIGLIA 

“In questo nostro tempo, nel quale il lavoro sembra essere tornato a rappresentare un’urgente questione sociale e la disoccupazione raggiunge talora livelli impressionanti, anche in quelle nazioni dove per decenni si è vissuto un certo benessere, è necessario, con rinnovata consapevolezza, comprendere il significato del lavoro che dà dignità e di cui il nostro Santo è esemplare patrono. Il lavoro diventa partecipazione all’opera stessa della salvezza, occasione per affrettare l’avvento del Regno, sviluppare le proprie potenzialità e qualità, mettendole al servizio della società e della comunione; il lavoro diventa occasione di realizzazione non solo per sé stessi, ma soprattutto per quel nucleo originario della società che è la famiglia. Una famiglia dove mancasse il lavoro è maggiormente esposta a difficoltà, tensioni, fratture e perfino alla tentazione disperata e disperante del dissolvimento. Come potremmo parlare della dignità umana senza impegnarci perché tutti e ciascuno abbiano la possibilità di un degno sostentamento?” Papa Francesco (Lettera Apostolica Patris Corde)

in allegato trovare il programma dettagliato dell’iniziativa.

Facebooktwitterpinterestmail