Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Ufficio
Liturgico

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagram
Proclamare la Parola

Il lettore custode della Parola

Quale deve essere lo stile di un lettore che si muove dal proprio posto per andare a leggere? Apparentemente, niente di più semplice e naturale! Andare a leggere; leggere; tornare al proprio posto. Questi sono essenzialmente i movimenti del lettore che comprendono anche pochi e semplici gesti (guardare, toccare il libro e il microfono, girare […]

Parola: il ministero del lettore

Nella celebrazione liturgica, è ormai un dato di fatto affidare ad un lettore il compito di proclamare le Scritture. Tuttavia, l’impressione è che non sia considerato un vero e proprio ministero, ma un semplice compito da espletare. Qual è l’identità del lettore? È necessario prevedere un rito di istituzione?Quello del lettore è un ministero molto […]

Quei foglietti che distraggono…

Spesso, nelle parrocchie troviamo sui banchi i foglietti per seguire le letture: sono davvero un aiuto o solo una cattiva abitudine?Don Domenico Mosso in uno dei suoi libri più famosi: «La Messa e il Messale», affermava: «Abbasso i foglietti!» Fogli volanti da distribuire ai fedeli, domenica per domenica, dove si presenta la liturgia del giorno […]

Fiori e silenzio

Non sembri fuori posto, in un anno dedicato alla Parola, una riflessione sul silenzio. Silenzio, perché?È la Chiesa che ce lo chiede, quale elemento indispensabile alla liturgia: «Un silenzio sacro, che fa parte della celebrazione, deve essere osservato a tempo opportuno» (Pnmr al n°23). Il silenzio fa parte della celebrazione dunque, come le pause fanno […]

Quando il silenzio è necessario

Con una certa frequenza, alcuni lettori ci domandano: sono previste delle pause di silenzio durante la Liturgia della Parola? Spesso la liturgia della Parola è soffocata da un eccesso di parole: lunghe monizioni prima delle letture, avvisi talvolta eccessivi (seduti! Ascoltiamo ora la parola del Signore), ecc. Oppure si caratterizza per una certa frettolosità: spesso […]

Quale utilizzo dell’ambone?

Alcuni ci domandano: si possono guidare i canti dall’ambone? Queste e altre domande simili, ci vengono rivolte durante i corsi di formazione dei lettori, o i diversi incontri di liturgia. L’ambone, dopo più di quarant’anni dalla Riforma liturgica, resta ancora un luogo «ibrido» e il più delle volte, solo funzionale. Sono ancora tante le chiese in […]

Guida all’uso delle monizioni

Alcuni ci domandano: «È davvero il caso introdurre le letture con una monizione? Spesso distraggono più che favorire l’ascolto…». Subito dopo l’attuazione della riforma voluta dal Concilio Vaticano II, era necessario aiutare le assemblee liturgiche a partecipare alla celebrazione eucaristica. Bisognava insegnare nuove acclamazioni, prevedere dei lettori per la proclamazione della Parola di Dio, formare […]

Anno della Parola: l’omelia

Che fare quando l’omelia è troppo lunga e ingombrante, col risultato di soffocare la Parola ascoltata?È giusto che duri quanto la metà dell’intera celebrazione?E quale deve essere il rapporto tra l’omelia e le altre parti della Messa? Nell’anno della Parola, dedicheremo la rubrica dei prossimi numeri all’approfondimento di alcune questioni liturgiche riguardanti la Liturgia della Parola, […]

La celebrazione della liturgia della Parola

La rubrica liturgica di questo nuovo anno pastorale, sarà uno spazio dedicato principalmente ai lettori e agli animatori della liturgia che desidereranno conoscere, approfondire e avere chiarimenti circa la celebrazione della Liturgia della Parola. L’anno della Parola, sarà un’occasione preziosa per riscoprire la forza e la bellezza della Parola di Dio proclamata nella Liturgia. Per […]