Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail
1 Maggio 2016

«Amoris laetitia»: incontro sulla nuova esortazione apostolica del Papa dedicata alla famiglia

Venerdì 6 maggio 2016, dalle 19 alle 22, presso il centro congressi S. Volto. Presentate anche le novità di «Mitis Iudex». On line TESTI E AUDIO degli interventi
Facebooktwitterpinterestmail
L’Arcidiocesi di Torino ha organizzato venerdì 6 maggio 2016, dalle 19 alle 22, presso il centro congressi S. Volto (via Borgaro 1 – Torino) una serata di presentazione e confronto sull’«Amoris laetitia», l’esortazione apostolica che il Papa ha scritto «sull’amore nella famiglia» a partire dai due sinodi, straordinario e ordinario, che si sono svolti in Vaticano nell’ottobre del 2014 e nell’ottobre del 2015.
 
La presentazione è stata a cura di don Andrea Bozzolo sdb (in allegato lo schema del suo intervento, mentre l’audio integrale è disponibile nel Mediacenter).
 
 
Nella stessa occasione don Sandro Giraudo ha presentato le novità relative al processo canonico contenute nel motu proprio «Mitis Iudex Dominus Iesus» (in allegato il testo del suo intervento, mentre l’audio integrale è disponibile nel Mediacenter).
 
 
Ha concluso la serata lintervento dell’Arcivescovo mons. Cesare Nosiglia.
 
 
PROGRAMMA dettagliato della serata:
 
ore 19: accoglienza e preghiera
ore 19.15: don Andrea Bozzolo sdb, presentazione di’«Amoris laetitia»
ore 20: don Sandro Giraudo, presentazione delle novità di «Mitis Iudex Dominus Iesus»
ore 20.30-21: pausa buffet
ore 21-22: dibattito e conclusioni a cura dell’Arcivescovo mons. Cesare Nosiglia
 
 
Per ulteriori informazioni: tel. 011.51.56.340 o scrivendo a: famiglia@diocesi.torino.it
 
In allegato anche il testo integrale dell’esortazione «Amoris laetitia» e del motu proprio «Mitis Iudex Dominus Jesus».

Sempre in allegato l’intervento dell’Arcivescovo sull’esortazione apostolica «Amoris Laetitia», pubblicato su «La Voce del Popolo» del 17 aprile 2016; lo speciale di due pagine del giornale dedicato al documento pontificio domenica 1 maggio e l’articolo del direttore pubblicato l’8 maggio.