Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail
24 Aprile 2011

Dieci giovani ciceroni sulle orme dei santi sociali torinesi

Percorsi di visita gratuiti ogni fine settimana per tutto maggio
Facebooktwitterpinterestmail
Dieci giovani guide, di diversa formazione e nazionalità, si sono preparate nei mesi scorsi per percorrere con i cittadini di Torino, i turisti e i viaggiatori, gli itinerari di santità che hanno trasformato il volto della città.

 
Le “guide dei santi” rientrano nel progetto «Torino di santi, quale futuro?», promosso dalla Pastorale della Cultura e dell’Università della diocesi di Torino, con il patrocinio della Regione Piemonte, nell’ambito delle iniziative per i 150 anni dell’Unità d’Italia.
 
«I santi cosiddetti sociali hanno contribuito alla formazione della coscienza nazionale, con intuizioni che hanno dato vita a opere ancora oggi vive e feconde», spiega don Ermis Segatti, referente della Pastorale della Cultura e responsabile del Progetto. «Inoltre, è molto stimolante per riflettere oggi su queste figure che hanno tratto dagli elementi di crisi del proprio tempo occasioni di santità».
 
Sono stati predisposti sei “percorsi” tematici su: Cottolengo, Bosco, Faà Di Bruno, Allamano, Murialdo, più un percorso interreligioso a San Salvario. Gli itinerari sono stati messi a punto assieme alle Congregazioni e le comunità, che apriranno le loro porte per far conoscere da vicino la loro realtà e l’eredità del «proprio» santo.
 
«Non siamo guide turistiche vere e proprie», spiega Lucian Gheletiuc, rumeno, da due anni in Italia, che lavora come mediatore culturale nelle scuole. «Racconteremo cosa significano per noi questi santi e faremo vedere una città diversa, spesso sconosciuta anche a chi la vive ogni giorno».
 
Le visite continueranno tutti i sabati e le domeniche di maggio, secondo il seguente programma:
 
SABATO:
h.10: COTTOLENGO (ritrovo piazza san Giovanni, davanti alla scalinata del Duomo);
h.11.30: MURIALDO (ritrovo in corso Palestro 14, di fronte al Collegio Artigianelli);
h.15: INTERRELIGIOSO (ritrovo in largo Saluzzo, civico 34); per questo percorso alle donne occorre portare un foulard per coprire il capo;
h.16.30: DON BOSCO (ritrovo in via Maria Ausiliatrice 3 di fronte al Santuario di Maria Ausiliatrice, ingresso principale).
 
DOMENICA:
h.15: FAA’ DI BRUNO (ritrovo in via dell’Arcivescovado 10);
h.17.15: ALLAMANO (ritrovo davanti all’ingresso sud del Santuario, piazza della
Consolata).
 
Per ogni percorso è necessario presentarsi 15 minuti prima dell’inizio della visita.
 
Le visite sono gratuite, ma è obbligatorio prenotarsi dal sito www.santisociali.it (sezioni «Percorsi turistici» e «contatti») dove è possibile trovare anche le indicazioni con i percorsi, le mappe e le guide; oppure chiamando al 366.4832712 da lunedì al sabato, dalle 12.30 alle 14 e dalle 18.30 alle 21. Per ulteriori informazioni: info@santisociali.it.