Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail
25 Novembre 2013

Emergenza Filippine: colletta nazionale

Domenica 1 dicembre 2013 in tutte le parrocchie. Raccolta Caritas per la Sardegna
Facebooktwitterpinterestmail
La Cei, dopo aver stanziato 3 milioni di euro provenienti dai fondi dell’8 per 1000, ha indetto per domenica 1 dicembre 2013 una colletta nazionale a favore delle vittime del tifone Haiyan che ha colpito le FILIPPINE.

 
Caritas Italiana ha già stanziato 100.000 € per la terribile emergenza causata dal passaggio del tifone Hayan nelle Filippine. L’intervento si realizza a supporto di Caritas Filippine e in collaborazione con altre realtà locali, lavorando anche nella ricostruzione e nelle fasi successive. Caritas Italiana è attiva da decenni nelle Filippine, in particolare nell’ambito delle ricorrenti emergenze naturali, come terremoti, alluvioni, frane, tempeste e tifoni tropicali.
 
Caritas Torino sostiene le iniziative della rete Caritas. È possibile contribuire con una donazione in denaro, specificando nella causale “Filippine”, tramite:
conto corrente postale 12132106 (intestato Caritas Diocesana Torino),
conto bancario (IBAN IT 07 Q 01030 01017 0000000 16320),
versamento diretto presso la sede Caritas di Via Val della Torre 3 (da lunedì a venerdì, dalle 9 alle 12,30).
(Per ulteriori informazioni: sito Caritas Torino)
 
Intanto la solidarietà della rete Caritas si esprime anche verso la popolazione della SARDEGNA, colpita da una tragica alluvione lunedì 18 novembre. Caritas Torino sostiene le iniziative della rete Caritas. È possibile contribuire con una donazione in denaro, specificando nella causale “Sardegna”, tramite:
conto corrente postale 12132106 (intestato Caritas Diocesana Torino),
conto bancario (IBAN IT 07 Q 01030 01017 0000000 16320),
versamento diretto presso la sede Caritas di Via Val della Torre 3 (da lunedì a venerdì, dalle 9 alle 12,30).
(Per ulteriori informazioni: sito Caritas Torino)
 
Altre informazioni su Caritas Italiana.