Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail
13 Febbraio 2013

Messaggio dell’Arcivescovo per il tempo di preparazione alla Pasqua 2013

Quaresima in Cattedrale: la Sindone e la fede
Facebooktwitterpinterestmail
Cari sacerdoti, diaconi, consacrati e laici della Diocesi di Torino,
 
la Quaresima di quest’Anno della fede ci vedrà impegnati in alcuni significativi momenti di celebrazione in Cattedrale per professare insieme l’unità della fede che ci fa Chiesa Una, Santa, Cattolica e Apostolica. Come ci ricorda l’apostolo Paolo nella lettera agli Efesini: «Cercate di conservare, per mezzo della pace che vi unisce, quell’unità che viene dallo Spirito: uno solo è il Corpo, uno solo è lo Spirito, come una sola è la speranza, uno solo è il Signore, una sola è la fede, uno solo è il Battesimo. Uno solo è Dio Padre di tutti, al di sopra di tutti, che in tutti è presente e agisce» (4,3-6).
 
Nella Lettera pastorale sul Battesimo Devi nascere di nuovo, ricordo che la professione di fede battesimale si snoda su una serie di «no» e di «sì» che investono tutta l’esistenza del credente e ne qualificano la testimonianza. Ora desideriamo dunque manifestare anche pubblicamente la nostra fede, professandola per viverla con la massima coerenza di carità e di speranza. La Cattedrale è la Chiesa madre dove la comunione e unità del popolo di Dio, attorno al Vescovo, si compie nei momenti più importanti dell’anno liturgico. Essa è dunque il luogo insieme più simbolico e concreto dell’unità di fede e di carità che ci unisce e ci fa Chiesa che cammina nel tempo e qui nel nostro territorio.
 
In questa circostanza solenne e importante desideriamo anche venerare la Santa Sindone, «icona del Sabato Santo», come ebbe a dire con acutezza e profondità Benedetto XVI nella sua visita durante l’ostensione del 2010. Sotto la croce (ci racconta il Vangelo di Marco) il centurione romano – pagano, dunque – vedendo come Gesù era morto, esclamò: «Veramente costui era il Figlio di Dio» (Mc 15,39). È dunque contemplando il Crocifisso che possiamo anche noi pronunciare l’atto centrale della nostra fede in Gesù sepolto, molto e risorto per la salvezza del mondo.
 
La Santa Sindone, mostrandoci il corpo martoriato del Crocifisso e il suo volto sofferente, ci richiama la parola dell’apostolo Giovanni: «Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia ma abbia la vita eterna» (Gv 3,16). La Sindone non ci parla dunque di sconfitta, ma di vittoria; non di morte, ma di vita; non di disperazione, ma di speranza; non di tenebre, ma di luce che emana dal sacro lino e sostiene la fede di chi crede e la vive nella carità.
 
Contemplando e pregando davanti alla Sindone, rivolgeremo dunque al Signore la nostra comune preghiera: Signore, aumenta la nostra fede. Non permettere che vengano meno in noi la gioia e l’entusiasmo di credere che Tu sei qui, nella tua Chiesa, e operi cose meravigliose pur in mezzo alle tempeste di una realtà che sembra allontanare sempre più tante persone dalla fede in te. Donaci un cuore aperto all’accoglienza, coraggio nella ricerca di chi ti ignora e saggezza di trovare le vie per un’efficace nuova evangelizzazione nella nostra terra.
 
Alla Beata Vergine Consolata, patrona della Diocesi, affideremo la nostra professione di fede e la volontà di renderla vita nuova per noi e ogni persona che incontriamo nel quotidiano della nostra esistenza.
 
Vi aspetto dunque con gioia e mi auguro che possiamo vivere insieme momenti forti di preghiera, di comunione e di vera fraternità.
Mons. Cesare NOSIGLIA
vescovo, padre e amico