Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail
29 Novembre 2013

Rapporto Migrantes «Italiani nel mondo 2013»

Presentato il 29 novembre alla presenza di mons. Nosiglia
Facebooktwitterpinterestmail
Non solo fuga di “cervelli” che vanno a lavorare in centri di ricerca americani, inglesi o tedeschi, ma anche operai e tecnici, che, soprattutto al Sud ma anche al Nord, non trovano più lavoro e ripercorrono i passi dei loro padri e nonni, contando sul supporto di parenti, amici e conoscenti che si sono stabiliti definitivamente all’estero.
 
È la fotografia dei nuovi emigranti che ha scattato il rapporto «Italiani nel mondo 2013È, curato dalla Fondazione Migrantes della Conferenza Epicopale Italiana. Lo studio è stato presentato il 29 novembre a Palazzo Cisterna, sede della Provincia di Torino, alla presenza di monsignor Cesare Nosiglia.
 
«Da molte regioni italiane, Piemonte compreso, si torna a partire per i “viaggi della speranza” che, sempre più, sono il frutto della ricerca di nuove prospettive da parte dei giovani», ha sottolineato l’Arcivescovo.
 
In allegato la sua dichiarazione ai microfoni di Primaradio e quella del direttore dell’Ufficio Pastorale Migranti Sergio Durando.