Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail

Sindone: ostensione in tv

Accesso alla Cattedrale limitato a un gruppo ristretto di ammalati e giovani. Per tutti mondovisione su Rai1. Testi di Papa Francesco e di mons. Nosiglia sul sito www.sindone.org
Facebooktwitterpinterestmail
L’ostensione della Sindone, il Sabato Santo 30 marzo 2013, dalle 17.10 alle 18.40, è stata soltanto «televisiva»: l’accesso alla Cattedrale era consentito a un gruppo ristretto di ammalati con i loro accompagnatori, e di giovani che hanno iniziato il cammino del Sinodo (in allegato il commento audio di mons. Nosiglia). Durante la diretta è stato possibile ascoltare anche un video-messaggio di papa Francesco (ancora in allegato la dichiarazione rilasciata dall’Arcivescovo a tal proposito ai microfoni di PrimaRadio). Sul sito ufficiale della Sindone è possibile consultare il testo del messaggio di papa Francesco, l’omelia dell’Arcivescovo e altri materiali di approfondimento sull’ostensione televisiva.
 
Mons. Nosiglia, presentando l’iniziativa nei giorni scorsi ai giornalisti, aveva precisato il significato e i termini di questo «evento» straordinario: offrire ai telespettatori di tutto il mondo le immagini della Sindone, nel contesto di preghiera proprio del Sabato Santo, come occasione di riflessione sulla sofferenza e la morte del Cristo, e sul dolore nel mondo di oggi.
 
Si è trattato dunque di una trasmissione tv, e non di un «pellegrinaggio alla Sindone» come furono le ostensioni più recenti. Non è stato possibile al pubblico accedere in nessun modo al Duomo; la stessa piazza San Giovanni non era completamente agibile, perché doveva accogliere, prima di tutto, il transito e la sosta dei mezzi che trasportavano i malati.
 
L’ostensione si è potuta seguire anche via internet nelle dirette streaming dai siti Rai e da www.sindone.org.
  
Venerdì 1° marzo, presso il Seminario Metropolitano (via XX Settembre, 83 – Torino), nel corso di una conferenza stampa, il Custode pontificio Mons. Cesare Nosiglia aveva illustrato il significato e le ragioni dell’Ostensione straordinaria tv, nell’ambito dell’Anno della Fede e in relazione anche alla situazione dei tempi complessi che stiamo vivendo. Nella sezione “Documenti” del sito è possibile scaricare l’intervento di Mons. Nosiglia alla conferenza stampa e il suo Messaggio alla Diocesi e alla Città per l’Ostensione televisiva. Maggiori informazioni e approfondimenti sul sito ufficiale www.sindone.org . Sul sito di Missioni don Bosco Tv è possibile vedere un ampio servizio sulla conferenza stampa. 
 
Dopo l’Ostensione del 2010, che ha visto passare davanti alla Sindone nella Cattedrale di Torino 2 milioni di pellegrini provenienti da tutto il mondo e a 40 anni dalla prima Ostensione televisiva che venne trasmessa in diretta il 23 novembre del 1973 dal Salone degli Svizzeri di Palazzo Reale, dove il Telo venne esposto verticalmente (e non orizzontalmente come è consuetudine), ancora una volta la Sindone, attraverso le telecamere di Rai 1 ha potuto essere vista in tutto il mondo.
 
L’Ostensione è avvenuta la Vigilia di Pasqua richiamando così il significato che Benedetto XVI attribuì al Telo nella sua visita torinese il 2 maggio del 2010, quando lo definì «Icona del Sabato Santo». L’iniziativa dell’ostensione televisiva si colloca nell’ambito dell’Anno della Fede voluto da Benedetto XVI.
 
Altre informazioni saranno diffuse, oltre che sul sito diocesano, sulla «Voce del Popolo» e sul sito www.sindone.org.