Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail
1 Luglio 2016

Tornato alla Casa del Padre don Ennio Bossu’

Lunedì 8 agosto 2016 alle 10 le esequie a San Cristobal (Coban) in Guatemala. Il messaggio di cordoglio di mons. Nosiglia e del card. Poletto al Vescovo de La Verapaz
Facebooktwitterpinterestmail
Venerdì 5 agosto 2016 in Guatemala è tornato alla Casa del Padre don Ennio Bossù. Ha avuto un malore improvviso mentre si trovava a Coban, nella Diocesi de la Verapaz, per il conferimento di un riconoscimento per il suo lavoro di traduzione alla lingua indigena.

 

Don Ennio era nato a Roma il 12 giugno 1939 ed era stato ordinato il 29 giugno 1963. In Guatemala, dove ha prestato la sua opera per molti anni, lo ricordano come «un prete straordinario» che «resterà immortale per quello che ha fatto».

 

Le esequie si terranno a San Cristobal (Coban) in Guatemala lunedì 8 agosto 2016 alle 10 (ora locale) e anche la sepoltura avverrà in loco per volontà dello stesso don Ennio.

 

Appena possibile verranno comunicati data e luogo della S. Messa di Trigesima nella nostra Arcidiocesi.

 

La comunità cristiana è invitata a unirsi nella preghiera di fraterno suffragio.

——————————————————————————————————- 

Di seguito il testo inviato dall’Arcivescovo di Torino al Vescovo de la Verapaz in Guatemala:

 

                                                                                                                                  «A: Mons. Rodolfo Valenzuela Nunez

                                                                                                                                  Vescovo de la Verapaz – Guatemala

 

Eccellenza Reverendissima,

in questo momento di dolore per la improvvisa scomparsa dell’amato don Ennio Bossù sento il desiderio di rendermi vicino a lei e al suo popolo che così tanto ha amato e stimato don Ennio.

Don Bossù ha dedicato gran parte del suo ministero sacerdotale alla Chiesa Guatemalteca soprattutto nella formazione nei Seminari e nella traduzione della Bibbia nella lingua della popolazione locale.

Pur essendo lontano dalla sua terra natale, sappiamo che lì, nella Diocesi de la Verapaz, riposa a casa sua, fra la gente che ha amato e che lo ha amato.

Figlio della nostra Chiesa torinese è ora pienamente figlio di tutta la Chiesa.

Lo piangiamo insieme a voi, ed insieme a voi affidiamo la sua anima alle mani misericordiose e amorevoli di Dio Padre.

Vorrei poi, insieme a Lei, elevare una ulteriore preghiera per i familiari di don Ennio che sempre hanno accompagnato questo suo servizio missionario e che insieme a lui ne hanno portato il peso soprattutto per la lontananza ed il distacco.

Ci mancherà molto, ma ci consola saperlo vicino al Signore dove prega per le nostre Chiese e per tutte le persone che ha amato e servito qui sulla terra.

Con sentimenti di dolore e di vicinanza si unisce a questo mio messaggio anche il Cardinal Severino Poletto che ha sempre stimato ed apprezzato don Bossù: fu Lui a richiamarlo in Diocesi per affidargli il delicato servizio di rettore del Seminario Maggiore.

Lunedì 8 agosto ci uniremo a voi nella preghiera e nella fraternità durante la messa di esequie del caro don Ennio.

Agli inizi di settembre, con tutta la comunità diocesana, celebreremo la S. Messa di trigesima per don Bossù.

Chiedo con Lei al Signore che questo momento di dolore possa rafforzare i vincoli di fraternità e comunione delle nostre due Chiese e ravvivare nei nostri cuori l’ardore missionario.

Con sentimenti di fraterna vicinanza,

                                                                                                                                  Mons Cesare Nosiglia

                                                                                                                                  Arcivescovo di Torino – Italia»