Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail

Proposte musicali sul territorio diocesano

Facebooktwitterpinterestmail
giovedì 23 Febbraio

– Se taluno dubitasse della quantità e qualità delle proposte musicali a Torino sul versante della classica, il taccuino di questa settimana dell’audiofiilo globe-trotter basterebbe a smentirlo: violinisti del calibro di Accardo e Kremer, un violoncellista come Maisky, la voce recitante di Chiara Muti e un direttore quale Christian Arming, felice ritorno in Rai; programmi che spaziano dal barocco al contemporaneo con al centro il vertice della «Quarta» di Mahler.

Sabato 18: alle 20 al Teatro Vittoria i pianisti Mirko Bertolino e Gianmarco Moneti suonano pagine di Mozart per l’Unione Musicale. Alle 21 a Palazzo Barolo ancora Mozart («Sonate per violino e pianoforte»); a interpretarle Roberto Ranfaldi e Maurizio Fornero per I Musici di Santa Pelagia.

Domenica 19: alle 16,30, presso l’Auditorium «Toscanini» di piazzetta Rossaro, musiche di Bach per la rassegna «Le domeniche dell’Auditorium» con il Complesso d’archi dell’OsnRai, Roberto Ranfaldi primo violino, con la partecipazione di Andrea Bacchetti, pianista tanto estroso quanto rigoroso, incline a interpretazioni bachiane per lo più fuori dagli schemi. In contemporanea, sempre alle 16,30, ma in Conservatorio e per la stagione di Um, Salvatore Accardo e il suo ensemble sul versante dei «Quartetti per archi» del tardo-romantico Čajkovskij.

Martedì 21: alle20,30 presso l’Auditorium «G. Agnelli» di via Nizza, per la stagione di Lingotto musica, serata con la Kremerata Baltica, guidata dal suo fondatore e ispiratore, il violinista estone Gidon Kremer: in programma di Pärt il notissimo «Fratres» poi la rarità della «Sinfonia da camera per clarinetto e archi op. 4» di Weinberg (solista Mate Bekavac), la«Serenade melancolique op. 26» di Čajkovskij quindi, per par condicio, gli scintillanti «Quadri da una esposizione» di Musorgskij e la poco nota «Serenata per violino solo» di Silvestrov: inconsueto e intrigante.

Mercoledì 22: alle 20,30 al Regio, per la stagione dei Concerti del Regio una composizione del contemporaneo Azio Corghi (nel suo 80°) ispirata a Saramago con la voce recitante di Chiara Muti,
quindi la raffinata «Quarta Sinfonia» di Mahler detta ‘La vita celestiale’, non già col contralto come di norma, ma con la voce bianca di Martina Pelusi, una vera chicca. Sul podio l’esperto Marco Angius. Alle 21 in Auditorium Rai per Um ad esibirsi sarà la Liszt Chamber Orchestra col fuoriclasse Mischa Maisky, musiche di Čajkovskij, Bruch, Bartók e Liszt.

Giovedì 23: alle 20,30, per la stagione dell’OsnRai (con replica il venerdì alle 20) il felice accostamento di pagine di Felix Mendelssohn e della sorella Fanny, musicista di gran talento, assieme a Clara Schumann una delle più straordinarie donne compositrici del Romanticismo: con la partecipazione del Coro Maghini diretto da Claudio Chiavazza, del soprano Bernarda Bobro e del mezzosoprano Annalucia Nardi. Dirige Arming. In settimana al Regio repliche della «Katia Kabanova » di Janáček domenica19 alle 15 (turno C), martedì 21 e giovedì 23 (alle 20 per gli abbonati ai turni B e D).

Attilio PIOVANO
(testo tratto da «La Voce E il Tempo» del 19 febbraio 2017)

23/02/2017 00:00
23/02/2017 00:00
Altro, Appuntamenti