Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail
17 Marzo 2014

Amico di Gesù… i bimbi ti aspettano!

Facebooktwitterpinterestmail
La Scuola dell’infanzia «San Michele Arcangelo» è stata fondata nel 1955 dal teologo don Agostino Amerano, primo parroco di Mappano, sacerdote che comprese le necessità più urgenti delle famiglie e del territorio verso cui impegnare le energie per avviare una costruttiva opera pastorale e sociale.
 
Così negli anni ’50 nacque la Scuola materna nei locali accanto alla chiesa che subito si configurò come momento di aggregazione e di accoglienza delle diverse realtà sociali, culturali e religiose presenti in una comunità in continua e tumultuosa espansione.
 
Nel 1997 il nuovo giovane parroco, don Pierantonio Garbiglia, con grande entusiasmo e con tanta fiducia e costanza iniziò la costruzione del nuovo e moderno edificio destinato ad ospitare la scuola dell’infanzia che aveva dovuto abbandonare i vecchi e fatiscenti locali diventati ormai insufficienti di fronte alla crescita della popolazione infantile di Mappano e che non davano più garanzie in merito alla sicurezza.
 
La scuola per lungo tempo è stata diretta dalle Figlie di Maria Ausiliatrice, particolarmente attente ai bisogni dei bambini e delle loro famiglie e all’evoluzione sociale del territorio.
 
Le suore, anche se da due anni si sono ritirate dalla scuola di Mappano, hanno lasciato ben viva la loro impronta pedagogica ed educativa, incentrata sulla centralità della persona del bambino e sulla continua attenzione a seguire ed accompagnare il loro sviluppo fisico, intellettivo e morale.
 
Le insegnanti laiche della scuola continuano a sviluppare il progetto educativo cristianamente ispirato che sta alla base dell’offerta formativa: un progetto educativo aperto all’accoglienza e che punta a far diventare la scuola sempre più una comunità educante coinvolgendo in primo luogo i genitori, ma anche tutte le altre realtà del territorio, in primo luogo quella parrocchiale.
 
Il vecchio modello assistenziale e custodialistico di asilo infantile, appartiene ormai ai ricordi del passato, seppur importanti e significativi per lo sviluppo delle giovani generazioni del tempo. Anche la Scuola dell’infanzia «San Michele», al pari di tutte le scuole della Fism, ha elaborato un piano dell’offerta formativa che pone in primo piano l’accoglienza e l’integrazione sociale e culturale di tutti i bambini, compresi quelli appartenenti a famiglie immigrate.
 
La scuola, pur accogliendo anche bambini di diversa fede religiosa, mantiene intatta e valorizza la propria identità religiosa nell’educazione. Scuola accogliente, scuola di tutti e per tutti non significa scuola priva di identità, bensì una scuola che sa proporre modelli e stili di vita in sintonia con il messaggio evangelico e con i principi dei valori civili della nostra Costituzione.
 
A garanzia dell’identità religiosa della scuola, rimane l’impegno costante dell’attuale Parroco, don Antonio Appendino e il coinvolgimento di tutta la comunità parrocchiale. A ribadire l’appartenenza della scuola alla rete delle scuole cattoliche provvederà il nostro Arcivescovo, mons. Cesare Nosiglia, il quale ha programmato per giovedì 3 aprile la sua visita pastorale, che fin da ora ci riempie di orgoglio e di gioia. I bambini si stanno preparando ad accoglierlo con grande entusiasmo e molta curiosità. Sono piccoli, non sanno cos’è un Vescovo… le maestre hanno spiegato loro che è un amico di Gesù.
 
Siamo tutti emozionati e in trepidante attesa e speriamo di riuscire a trasmettere la nostra gioia anche a chi in questo momento è lontano dal nostro sentire.
La coordinatrice
Testo tratto da «La Voce del Popolo» del 23 marzo 2014