Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail
9 Luglio 2021

Dichiarazione di mons. Nosiglia sulla sede della “Gigafactory” e l’ex Embraco

Delusione e amarezza nelle parole dell’arcivescovo di Torino il 9 luglio 2021
Operai al lavoro in una fabbrica di batterie per auto elettriche
Facebooktwitterpinterestmail

In seguito alla notizia della scelta di Termoli anziché Torino come sede italiana per la cosiddetta “Gigafactory” e del fallimento delle ultime trattative per l’ex Embraco, venerdì 9 luglio 2021 l’arcivescovo di Torino, mons. Cesare Nosiglia, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

«La scelta di Termoli come sede del nuovo impianto di produzione delle batterie elettriche lascia, una volta di più, amarezza e delusione nel territorio torinese, già colpito da altre gravi crisi aziendali come il vistoso e drammatico caso della ex Embraco.

Io credo sia venuto il momento di varare una politica industriale chiara, coerente e condivisa per Torino, il suo territorio e il Piemonte.

Tocca, mi pare, prima di tutto al governo nazionale gestire il coordinamento dei vari progetti e avere il coraggio di «pensare» in termini di lunga durata, pur conoscendo la difficoltà di programmare oggi azioni che impegnano i prossimi anni.

Ma tocca anche a tutte le istituzioni locali, le agenzie, i mondi dell’impresa e del credito, decidersi per un reale coordinamento di informazioni, risorse, progetti. Se c’è qualcosa che dovremmo aver imparato, in questi lunghi anni di addio alla fabbrica tradizionale è che la città, se è divisa, perde sempre.

Mons. Cesare Nosiglia»