Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail

«Fragilità: Fede, possibilità o risorsa»: Serena Zoli e Vittorio Croce alla Cattedra del Dialogo

Il terzo appuntamento il 13 febbraio 2014 all'Istituto Cabrini
Facebooktwitterpinterestmail
Serena Zoli e Vittorio Croce sono stati i protagonisti della quarta serata della Cattedra del dialogo giovedì 13 febbraio 2014 (ore 21 – sala Cabrini, in via Montebello 28 bis, Torino). Luogo di incontro, di proposta, soprattutto di ascolto e di confronto. Un evento culturale a Torino per vivere una vera esperienza non pregiudiziale ma coinvolgente, dal titolo: «Fragilità: Fede, possibilità o risorsa». Introduceva la serata mons. Luciano Pacomio, delegato Cep per le Comunicazioni Sociali. Al centro del dialogo la psiche, letta sotto aspetti diversi: dalla fragilità al femminile al mistero della Croce.

Serena Zoli, giornalista, per molti anni editorialista del Corriere della Sera è autrice di numerosi libri. Tra cui il best seller “E liberaci dal male oscuro” ed. Longanesi scritto con Giovanni Battista Cassano. La sua uscita nel 1993, sui giornali, in programmi televisivi e in conferenze, è stata più volte definita uno spartiacque per la ricezione sociale dei disturbi mentali, quasi sempre negati o sottovalutati o confusi con debolezze di carattere o d’ordine morale. Il «male oscuro» del titolo, che rimandava al bel romanzo di Giuseppe Berto del 1964, è divenuto un termine familiare, fissandosi nel linguaggio comune quale ovvio sinonimo di depressione.  Negli anni ha scritto numerosi altri libri sullo stesso argomento come “Storie di ordinaria resurrezione” ed. Rizzoli, “Vivere senza depressione” ed. Tea, “Quando ero piccolo credevo che” ed. Mondadori,  come su altri temi come “La generazione fortunata” ed. Longanesi e l’ultimo “Ho cambiato vita- storia di chi c’è l’ha fatta”, ed. San Paolo. Attualmente cura l’ufficio stampa  a Milano della Fondazione Veronesi.

Vittorio Croce da diversi anni è vicario generale della diocesi di Asti. Scrittore, giornalista, dirige il settimanale diocesano “Gazzetta d’Asti”. E’ docente di teologia dogmatica all’Istituto interdiocesano di Teologia a Valmadonna nell’alessandrino, a cui aderiscono cinque diocesi (Asti, Alessandrina, Acqui, Casale, Tortona). Autore di numerose pubblicazioni tra cui «Gesù il Figlio il mistero della Croce», ed. Elledici.
 
La serata è stata introdotta da una video intervista a Stefano Rodotà in cui il giurista dichiara cosa sia per lui la fragilità. L’intervista è stata realizzata in collaborazione il Festival Filosofia di Modena.
 
Come ormai consuetudine, il pubblico è stato accolto dalla musica, la scelta della pianista Chiara Bertoglio per questa serata era Anton Bruckner “Kyrie” dalla Messa n. 3 in fa minore.
 
La Cattedra è sostenuta dalla Fondazione CRT. E’ organizzata in collaborazione con la Cei – Progetto Culturale. Ha ottenuto il patrocinio dell’Arcidiocesi di Torino, della Regione Piemonte e del Comune e della Provincia di Torino. Da quest’anno si svolge presso la sala Cabrini, al secondo piano, dell’Isituto Cabrini in via Montebello 28 bis a Torino.
 
Per info: tel. 0115623423, cattedradeldialogo@agdonline.it
 
Su YouTube è possibile ascoltare o riascoltare l’incontro.