Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail
30 Novembre 2016

Giovedi’ 1 dicembre 2016

Facebooktwitterpinterestmail
Link alla Liturgia del giorno.

 

La casa fa parte delle nostre «certezze», almeno in Occidente. Quando ci si lamenta della vita precaria cui si stanno avviando le giovani generazioni si denuncia che è sempre più difficile trovare lavoro, acquistare casa, mettere su famiglia… E al contrario, quando si riesce ad accendere un mutuo è la banca stessa a certificare, con il «fido» che si sono raggiunte condizioni di vita più stabili…

 

Il Vangelo di oggi viene a insinuare, ad aprire una crepa nelle nostre certezze – e nei nostri muri. La nostra casa (la nostra vita), su quale «roccia» è fondata? È la banca a renderci sicuri? Quale posto hanno i «valori» che non sono monetizzabili, quale significato? E i fiumi straripanti, i venti impetuosi, le piogge battenti, vengono a distruggere i nostri beni o qualcos’altro? Il profeta Isaia (I lettura) ci dice che è il Signore ad essere una roccia eterna.

 

Marco Bonatti

marco.bonatti@sindone.org