Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail

Giovedi’ 15 dicembre 2016

Facebooktwitterpinterestmail
Link alla Liturgia del giorno.

 

Il testo di Isaia (I lettura) si presenta come una dichiarazione d’amore di Dio alla sua gente, come se il Signore parlasse alla donna amata: «Per un breve istante ti ho abbandonata, / ma ti raccoglierò con immenso amore. / In un impeto di collera / ti ho nascosto per un poco il mio volto; / ma con affetto perenne / ho avuto pietà di te».

 

La promessa di Dio è di quelle che vengono mantenute. E tuttavia come si fa a vivere, anche per un poco, se il volto del Signore è nascosto? La ricerca del «Volto» di Dio attraversa l’intera Bibbia, dalla Genesi all’Apocalisse; e se per gli Ebrei da sempre è proibita la riproduzione di ogni immagine umana (poiché l’uomo è «immagine di Dio») i cristiani invece hanno conosciuto il «Dio visibile», Gesù Cristo, incarnato e risorto proprio per rendere più vero e credibile quanto già il Vecchio Testamento afferma: e cioè che il volto di Dio si trova prima di tutto nei fratelli dei quali ci si mette a servizio e che riusciamo ad amare.

 

E questo Gesù che, nel Vangelo di oggi, riprende il discorso su Giovanni Battista, richiama la forza di questo annuncio del Dio che viene, cui Giovanni è chiamato a preparare la strada. Un Dio che sa di arrivare là dove non sarà riconosciuto e creduto – ma non per questo rinuncia.

 

A Torino custodiamo la testimonianza di un «volto di Dio» che dal silenzio continua a parlare, ad attirare non solo l’interesse della scienza ma, molto più, le domande di senso delle persone. È un volto fissato, crocifisso nella morte: ma il suo mistero continua a parlarci di vita e di speranza.

 

Marco Bonatti

marco.bonatti@sindone.org