Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail

Mons. Nosiglia ricevuto da Papa Francesco

Lunedì 10 febbraio 2014 rinnovato l'invito a partecipare all'ostensione della Sindone nel 2015
Facebooktwitterpinterestmail
Nella mattinata di lunedì 10 febbraio l’arcivescovo di Torino mons. Cesare Nosiglia è stato ricevuto in udienza a Roma da Papa Francesco, che lo aveva già incontrato personalmente in occasione della visita «ad limina» dei vescovi del Piemonte (maggio 2013) e dell’assemblea generale della Conferenza episcopale italiana.
 
Prima dell’udienza hanno salutato il Papa il Vicario generale di Torino mons. Valter Danna, il presidente della Commissione diocesana per la Sindone don Roberto Gottardo e don Mauro Grosso, segretario dell’arcivescovo. Il Papa ha molto gradito i doni che la delegazione della diocesi gli ha offerto e presentato: una copia in grandezza naturale della Sindone; una riproduzione su tela simile a quella sindonica della parte anteriore dell’immagine; un quadro con il Volto al negativo della Sindone.
 
L’udienza del Papa con l’arcivescovo di Torino si è svolta in un clima di grande cordialità. Mons. Nosiglia ha rinnovato l’invito a partecipare all’ostensione della Sindone nel 2015; Francesco ha confermato la volontà di venire pellegrino a Torino, per onorare la memoria di don Bosco nell’anno giubilare a lui dedicato, e per venerare l’icona della Passione del Signore che la Chiesa di Torino conserva (già in occasione dell’ostensione televisiva del 30 marzo 2013 il Papa aveva inviato a Torino un suo videomessaggio in cui sottolineava il grande significato spirituale ed ecclesiale della Sindone).
 
Non è stata fissata ancora una data per la visita di Francesco a Torino nel 2015; il periodo però sarà quello della primavera: l’ostensione pubblica dovrebbe tenersi infatti dopo le celebrazioni pasquali, nei mesi di aprile, maggio e fino ai primi giorni di giugno.
 
Mons. Nosiglia ha illustrato al Papa le caratteristiche che questa ostensione straordinaria avrà: un’attenzione particolare al coinvolgimento dei giovani, che sono anche i protagonisti delle celebrazioni mondiali del Giubileo salesiano; tempi e spazi specifici per le persone ammalate e per il mondo del volontariato che è a loro vicino. La dimensione centrale dell’ostensione dovrà rimanere comunque quella della preghiera e della contemplazione. Al Papa l’arcivescovo, Custode della Sindone, ha anche sottoposto alcune idee per il «motto» che guiderà l’ostensione del 2015.
 
Nella giornata di martedì 11 febbraio mons. Nosiglia presiederà alla costituzione del «Comitato» organizzatore dell’ostensione, cui partecipano gli Enti locali, le Fondazioni bancarie, la Soprintendenza ai beni artistici del Piemonte.