Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail
13 Aprile 2014

«Non può bastare una “crescita” fondata solo sugli indicatori economici»

Messaggio dell’Arcivescovo occasione della solennità di San Giuseppe Lavoratore rivolto a imprenditori, giovani, sindacati, politici
Facebooktwitterpinterestmail
In allegato e nella sezione “Documenti” del sito il testo del Messaggio dell’Arcivescovo occasione della solennità di San Giuseppe Lavoratore, giovedì 1° maggio 2014.
 
«A tutti i lavoratori», scrive l’Arcivescovo nel Messaggio, «vanno il mio pensiero, la mia preghiera e il mio impegno pastorale, che non può che fondarsi sulla vita stessa di Gesù carpentiere a Nazareth: noi crediamo in un Dio che si è fatto uomo e ha lavorato, sofferto, gioito per il proprio lavoro. San Giuseppe Lavoratore e i nostri nuovi Santi Giovanni XIII e Giovanni Paolo II benedicano gli uomini e le donne di questo mondo e della nostra Diocesi in particolare, perché possano vedere nel proprio lavoro un’autentica compartecipazione alla creazione e al bene della nostra società».
 
Martedì 29 aprile alle ore 21, presso la Parrocchia di Gesù Operaio di Torino (via Ternengo, angolo via Tollegno), si è svolta la tradizionale Veglia di preghiera per il mondo del lavoro. In allegato e nella sezione “Documenti” del sito il testo dell’omelia di mons. Nosiglia. La Veglia è stata preceduta da un incontro per ricordare don Gianni Fornero a dieci anni dalla morte.
  
In occasione della Veglia di preghiera è stato elaborato un sussidio per la riflessione e la preghiera liturgica. 
  
Sul sito dell’Ufficio nazionale per i problemi sociali e il lavoro della Cei sono disponibili testi liturgici, schede e sussidi per la ricorrenza di San Giuseppe lavoratore e il Messaggio dei vescovi della Commissione Episcopale.