Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail

Notizie pastorali (18 ottobre 2011)

Facebooktwitterpinterestmail
Nomine
Don Nazaire KOSSOU, del Clero diocesano di Abomey (Bénin), è stato nominato assistente religioso presso l’Ospedale Santa Croce in Moncalieri. Sostituisce il can. Paolo Comba, ora parroco di S. Maria della Scala e S. Egidio in Moncalieri;
don Davis MONETTI, salesiano, è stato nominato collaboratore parrocchiale nella parrocchia S. Andrea Apostolo in Bra;
don Giovanni Luigi RONDOLINI, salesiano, è stato nominato vicario parrocchiale nella parrocchia S. Lorenzo Martire in Altessano di Venaria Reale;
don Pietro TERZARIOL è stato nominato collaboratore parrocchiale nella parrocchia Ascensione del Signore in Torino;
padre Albino VALENTINI, dei Sacramentini, è stato nominato rettore della chiesa di S. Maria di Piazza in Torino. Sostituisce il confratello padre Venceslao Dal Cero.
 
Ingressi parrocchiali
Don Giovanni CARIGNANO inizia il suo ministero come nuovo parroco: sabato 29 ottobre alle ore 15 a Polonghera e alle ore 17 a Murello; domenica 30 ottobre alle ore 15 a Faule.
 
Residenza preti giovani
Dal pomeriggio di lunedì 24 al pranzo di martedì 25 è prevista a Villa Lascaris la residenza per i preti giovani del primo quinquennio.
 
Attenzione al questionario inviato via email alle parrocchie
Si segnala che una ditta sta inviando all’indirizzo di ciascuna parrocchia un questionario riportante il titolo «Registro del Mercato Nazionale – rilevazione dati commerciali – censi 2011». Nel modulo si chiede di inserire i dati della parrocchia, qualora siano diversi dalla «registrazione originale». In piccolo, in basso, c’è scritto che rispedendo quel modulo, si consente alla ditta in oggetto (che ha sede all’estero) la pubblicazione dei propri dati su internet come inserzione pubblicitaria pubblicata per i prossimi 3 anni. Tale consenso, come specificato di seguito, costituisce ordine ed è irrevocabile (salvo lettera RR entro 10 giorni dall’ordine) e comporta un pagamento di 1270 euro all’anno per 3 anni.
Alla luce di quanto sopra, si invitano i parroci a non non compilare e non spedire il «questionario».