Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail

Ostensione 2015: Torino come una piccola Lourdes

Sabato 16 maggio l'Arcivescovo in visita all'Accueil per i disabili. Le visite di domenica 17 e quelle attese lunedì 18 maggio
Facebooktwitterpinterestmail

La sera di sabato 16 maggio 2015 l’Arcivescovo mons. Cesare Nosiglia al Cottolengo è stato accolto dai sorrisi carichi di gioia e speranza degli oltre 70 malati e disabili del Centro Volontari della Sofferenza di Mantova in pellegrinaggio a Torino per l’Ostensione, ospiti negli Accueil realizzati, sul modello di Lourdes, al Cottolengo e all’ospedale Maria Adelaide. «Siete venuti a Torino – ha detto mons. Nosiglia – per contemplare il Volto della Sindone che ci guarda e penetra nel cuore, e ci comunica quell’Amore più grande che il Signore ha per ciascuno di noi, in particolare per chi vive ogni giorno la sofferenza». L’Arcivescovo ha quindi incoraggiato gli ospiti, riuniti per la cena, «ad avere sempre la forza per credere che con Gesù tutto è possibile; anche nella sofferenza e nella fragilità si può vivere una vita carica di Amore in cui tutti abbiamo qualcosa da donare al prossimo».

«Torino, per l’Ostensione, è come una piccola Lourdes – ha affermato don Marco Brunetti, direttore della Pastorale della Salute della diocesi – al santuario di Lourdes ogni giorno dell’anno si accolgono migliaia di malati, abbiamo dunque voluto strutturare questa accoglienza anche per l’Ostensione 2015, che ha come protagonisti, oltre che i giovani, proprio il mondo della sofferenza».

Le due strutture offrono ospitalità a prezzi contenuti, grazie anche ad una convenzione sottoscritta tra Arcidiocesi di Torino con la Pastorale della Salute, Comitato organizzatore dell’Ostensione e Città della Salute.

Oltre duecento volontari, coordinati da suor Giuseppina Fornoni e suor Gabriella Denti, prestano servizio nei due Accueil garantendo assistenza 24 ore su 24 e l’accompagnamento degli ospiti alla Sindone, ai luoghi della spiritualità torinese, in visita al centro storico. Ogni week-end giungono, inoltre, come volontari nelle due strutture anche seminaristi da diverse diocesi d’Italia.

Ad oggi si sono sfiorate le mille prenotazioni negli Accueil che provengono da tutta Italia ed anche dall’estero; i prossimi week-end di Ostensione sono già al completo, mentre sono ancora disponibili alcuni posti in settimana. Le prenotazione si possono effettuare attraverso la pagina «Malati e Disabili» del sito http://www.sindone.org/.

Volontari della sofferenza: 700 pellegrini nell’anniversario della fondazione

Oltre 700 pellegrini su 13 pullman in arrivo da tutto il Piemonte, la Valle d’Aosta e anche da altre Regioni d’Italia. Si sono mossi in forze domenica 17 maggio i gruppi dei volontari della sofferenza per pregare davanti alla Sindone e per rafforzare insieme davanti all’icona dell’Uomo dei Dolori le radici della propria fede. Ad accompagnarli una trentina di fratelli e sorelle consacrati e gruppi di sostenitori del corpo degli Alpini, «Una grande occasione – ha confermato Elena, coordinatrice dei gruppi da Ivrea –  Il 17 maggio è per tutti noi una data importante che ricordiamo ogni anno. Proprio il 17 maggio del 1947 è nato infatti il Centro Volontari della Sofferenza, fondato dal beato Luigi Novarese per dare avvio a un nuovo apostolato fra i malati». Non solo: era sempre il 17 maggio, ma del 1931, quando i medici dell’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure certificarono la “completa guarigione” di Novarese dalla tubercolosi ossea che lo aveva colpito all’età di 9 anni. Ed era il 17 maggio, questa volta del 1943, quando egli fondò la Lega Sacerdotale Mariana, associazione che aveva lo scopo di venire in aiuto ai preti feriti, infermi o in gravi condizioni economiche a causa della guerra.

Lo scorso anno il 17 maggio è stato festeggiato a Roma, dove tutti i 4 mila aderenti ai CVS italiani sono stati invitati all’Udienza speciale con Papa Francesco in Aula Paolo VI. «Il 17 maggio del 2011 abbiamo invece potuto prendere parte, sempre a Roma, alla beatificazione di padre Novarese».

Finita la visita in Duomo, tutti i pellegrini si sono radunati all’Arsenale della Pace del Sermig. Qui la celebrazione eucaristica presieduta dall’Arcivescovo monsignor Cesare Nosiglia e concelebrata da tutti i sacerdoti presenti, tra cui padre Armando Aufiero, responsabile dell’apostolato del CVS e don Janusz Malski, moderatore generale del CVS.

Ancora in visita alla Sindone domenica 17 maggio

Domenica 17 maggio in visita alla Sindone Alessandro Mancini, direttore Ticketing e Tourism di Expo 2015, ha manifestato profondo interesse per l’Ostensione. «Il più sincero grazie per una grande, straordinaria emozione» ha scritto sul libro d’onore.

I gruppi di Pellegrini in visita: dall’Italia

– 200 pellegrini della comunità latina di Torino

– 150 visitatori dalle Filippine

– 95 universitari di Comunione e Liberazione di Firenze

– 60 pellegrini del Centro culturale Giulio Bosco

– 55 del Gruppo Comunità S. Galdino

– 50 del Gruppo Padre Leo

dall’estero

– 500 pellegrini dalla Francia

– 150 dalla Polonia

– 140 dagli Stati Uniti

– 100 dalla Slovenia

I visitatori di lunedì 18 maggio

Alle 12,30 una delegazione dell’Ambasciata di Cuba. Alle 14 l’Ambasciatore indiano Basant Kumar Gupta e il Console Generale dell’India a Milano, Shri Manish Prabhat. Alle 14,30 l’Arcivescovo Marcello Bartolucci, Segretario della Congregazione per le cause dei Santi. Alle 15 gli attori Danilo Ruocco, Salvatore Varvaro, Giuseppe Cardascio.

Servizio prenotazioni al Salone del Libro

Prosegue al Salone del Libro il servizio di prenotazione in giornata delle visite alla Sindone. La postazione nel padiglione 1 del Lingotto si trova presso lo stand istituzionale della Regione Piemonte e del Comune di Torino.  Sempre aperto, dalle 7,30 alle 19 anche lo sportello di prenotazioni “last minute” presso il bookshop ufficiale dell’ostensione in piazza Castello all’angolo con via Palazzo di Città.

Si possono ancora prenotare visite anche su Internet e al call center per tutti i prossimi giorni di Ostensione, fino al 23 giugno.

«L’Amore più grande» al Salone del Libro

Si conclude il programma di conferenze dedicate all’«Amore più grande», motto dell’Ostensione 2015, promosse dall’associazione Sant’Anselmo (organismo della Chiesa italiana dedicato alla promozione della cultura del Paese), presso lo spazio del suo stand S102 (padiglione 3) o presso le sale Blu e Gialla.

Lunedì 18 maggio 2015, ore 17.00, Sala Blu: «Quale scuola, quale università per il paese? L’eccellenza formativa per un nuovo umanesimo». Andrea Gavosto (Direttore Fondazione Agnelli); Franco Anelli (Rettore dell’Università Cattolica del Sacro Cuore); Carlo Olmo (Politecnico di Torino). Introduce don Luca Peyron (Pastorale Universitaria, Arcidiocesi di Torino). In margine al libro «La valutazione della scuola. A che cosa serve e perché è necessaria», Laterza-Fondazione Agnelli. In collaborazione con Arcidiocesi di Torino, Salone del Libro.

Eventi culturali in programma

– Viene presentata martedì 19 maggio e durerà sino al 24 giugno la rassegna «Costruiamo insieme il Terra Sancta Museum a Gerusalemme». Quattro piccoli oggetti di terracotta nelle vetrinette del Museo della Sindone e del Museo di Arte Orientale. Poi torneranno a Gerusalemme, da dove arrivano e dove faranno parte del museo che la Custodia di Terra Santa intende realizzare nel cuore della Città Vecchia. L’iniziativa è promossa dalla Custodia di Terra Santa e dalla Associazione ong Pro Terra Sancta, con il sostegno del Consolato d’Italia e del Comune di Torino.

-Alla Reggia di Venaria, fino al 28 giugno, si può visitare «Pregare. Un’esperienza umana. L’incontro con il divino nelle culture del mondo», una mostra sul rito e le tradizioni della preghiera, importante occasione di confronto e riflessione interculturale.

– Al Centro Congressi della Chiesa del Santo Volto di Torino (via Nole, angolo via Borgaro) è allestita la mostra di arte contemporanea «Holy Mistery», con oltre 40 opere d’arte di artisti internazionali, emergenti ed affermati, nate da una riflessione sull’arte contemporanea, il sacro ed il mistero.

(fonte: http://www.sindone.org/)
(Per ulteriori informazioni e approfondimenti cliccare sullo speciale Ostensione 2015”)