Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail

Senzatetto romeno morto per freddo, mons. Nosiglia: «Non possiamo rimanere insensibili»

Appello a comunità e parrocchie affinché offrano ospitalità. Preghiera di suffragio l'8 febbraio in tutte le comunità
Facebooktwitterpinterestmail

Di seguito la dichiarazione di Mons. Cesare Nosiglia sulla morte di Mihai Gatu:

«Nella notte tra lunedì 2 e martedì 3 febbraio 2015 Mihai Gatu, un fratello senza dimora di origine romena, è morto in strada preso nella morsa del freddo. Negli ultimi mesi la nostra città era già stata scenario di un’altra morte simile. Nonostante le azioni che istituzioni pubbliche e mondo del volontariato hanno messo in atto, non siamo riusciti ad evitare questo sacrificio.

Le nostre comunità cristiane non possono rimanere insensibili di fronte ad un evento come questo, che ci rimanda ancora una volta alla missione di fraternità che il Vangelo ci consegna come norma di vita. Per questo, faccio appello alle istituzioni e a tutte le realtà di volontariato e associative che si occupano di questi fratelli e sorelle senza dimora per promuovere insieme un supplemento di impegno per prevenire simili tragedie,mentre torno ad invitare le parrocchie a realizzare un luogo di accoglienza temporanea per una persona in  difficoltà, almeno per le fredde notti invernali.

Chiedo inoltre a tutte le comunità parrocchiali e delle comunità religiose di dedicare una preghiera nel corso della liturgia festiva di domenica 8 febbraio, quinta del tempo ordinario. Sia questa l’occasione per crescere tutti, abitanti di questa città, nella responsabilità verso i fratelli più fragili e stimolo per rilanciare la fantasia della carità di cui la nostra Chiesa è sempre stata testimone».

PREGHIERA:

Padre Santo e Misericordioso, affidiamo al tuo amore la vita di Mihai, fratello senza dimora morto tragicamente nel rigore di una strada torinese. Con lui ti ricordiamo tutte le vittime della povertà estrema. Ti preghiamo: rendi il nostro un cuore che vede, capace di farsi carico di tanta sofferenza, disponibile all’accoglienza, generoso nell’impegno, forte nel rendere concreta la fraternità.