Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail

Settimana di formazione permanente del Clero diocesano: TUTTE LE RELAZIONI

I testi dei relatori intervenuti a Diano Marina dall'11 al 15 gennaio 2016
Facebooktwitterpinterestmail
 Si è svolta dall’11 al 15 gennaio 2016 a settimana annuale di formazione permanente dei preti della Diocesi dedicata a «Leggere in Cristo le sfide all’umano» (programma in allegato). Anche sulla scia di quanto è maturato al Convegno della Chiesa italiana di Firenze, si è provato a «riconoscere lo spessore della posta in gioco e a fornire chiavi di lettura – allo stesso tempo critiche e costruttive – per comprendere in Cristo le trasformazioni in atto». La settimana è stata coordinata da don Ferruccio Ceragioli e don Alberto Piola, docenti di teologia fondamentale e di teologia dogmatica presso la nostra Facoltà Teologica, e ha coinvolto alcuni tra i migliori esperti nel panorama italiano sui temi implicati.
 

In fase iniziale, il prof. Graziano Lingua, docente di filosofia all’Università di Torino, ha aiutato a recuperare la mappa dei rapporti tra cristianesimo e umanesimo (relazione on line appena possibile).

 

Successivamente sono state prese in considerazione alcune tra le tematiche possibili. Dapprima don Gianni Colzani, docente emerito di teologia dogmatica alla Pontificia Università Urbaniana, ha aiutato a cogliere le implicazioni teologiche della questione ambientale (relazione in allegato).

 

La prof. Susy Zanardo, docente di filosofia morale all’Università Europea di Roma, ha messo in evidenza le sfide sottese alla questione gender (relazione in allegato).

 

Infine, il prof. Andrea Vaccaro, docente di filosofia e teologia presso l’Issr di Firenze, ha affrontato la questione della tecnologia in rapporto alla mutazione dell’umano (relazione in allegato).

 

Nella giornata centrale, don Alberto Piola ha aiutato a leggere alla luce dell’umanità di Cristo le nuove frontiere dell’umano (relazione in allegato).

 

Nella mattinata conclusiva, l’Arcivescovo ha ripreso i verbi forti dell’azione pastorale indicati dal Convegno di Firenze