Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail

Al Centro Congressi dell’Unione industriale quattro incontro tra calcio, fantaeconomia, cibo e scrittura teatrale

Facebooktwitterpinterestmail
mercoledì 24 Ottobre

Di seguito gli appuntamenti di ottobre al Centro congressi dell’Unione industriale in via Fanti a Torino:

Martedì 16 ottobre 2018, ore 18.00: Beppe Bergomi, ex calciatore italiano e campione del mondo con la Nazionale di Bearzot in Spagna nel 1982, con lo psicologo sportivo Samuele Robbioni, dialogheranno con Giancarlo Bonzo, Amministratore Delegato del Centro Congressi Unione Industriale per presentare “Bella Zio”, edito da Mondadori Electa. Romanzo biografico in cui il campione affida alla penna dello scrittore Vitali, il racconto della sua parabola ascendente. Vitali trasforma la vita di Beppe in un romanzo della commedia umana di cui è il maestro insuperato nella narrativa italiana. Nulla gli sfugge nel dare voce alla semplicità e intelligenza di un grande personaggio del calcio italiano: tra ironia e paradosso, aneddoti di costume, successi e dolori. Bergomi, ex calciatore italiano, di ruolo difensore, considerato uno dei migliori difensori della propria generazione, nel corso della sua carriera professionistica ha sempre militato nell’Inter, con cui ha vinto una Coppa Italia, un campionato di Serie A, una Supercoppa italiana e tre Coppe UEFA. In quest’ultima competizione, oltre a essere il giocatore più presente in assoluto, è il calciatore italiano con più vittorie finali (a pari merito con Dino Baggio e Luigi Sartor). La vittoria del Mondiale 1982 lo ha reso, a 18 anni, il più giovane calciatore italiano ad aver vinto la rassegna iridata, nonché il secondo in assoluto alle spalle del mitico Pelé.

Lunedì 22 ottobre, ore 15: «02.02.2020 La notte che uscimmo dall’euro». 2 febbraio 2020. È tutto pronto, il grafico incisore che ha avuto dal ministro dell’Economia l’incarico di disegnare la Lira Nuova ha finito, il punto di verde è perfetto. Banconote e monete verranno messe in circolazione a partire dalla mezzanotte. In ossequio al credo nazionale sono stati abbandonati i poeti, gli artisti e gli scienziati: al loro posto le immagini degli eroi popolari e i martiri del governo sovranista. Il governo è in carica da un anno e mezzo, e ormai la maggioranza è costituita da un partito unico, il Psi – Partito sovranista italiano. Per tener fede alle promesse elettorali il Psi ha fatto saltare i conti pubblici. Così non c’è altro da fare che andare fino in fondo: mettere in atto il piano B, uscire dall’euro. Intanto la speculazione internazionale è già preparata e le corazzate finanziarie sono pronte ad affossare l’Italia. E fra chi scommette contro il paese c’è anche un politico importante, che ha un ruolo di rilievo nell’operazione Morris, com’è stata battezzata in codice. La mattina del 3 febbraio, la nuova valuta crolla in poche ore mentre le Borse vanno a picco. Le banche hanno bloccato i bancomat, la fuga di capitali è immediata e imponente. L’inflazione comincia a galoppare. I tassi d’interesse esplodono, le imprese indebitate dichiarano bancarotta, i mutui vanno alle stelle. Il potere d’acquisto dei salari è divorato dall’impennata dei prezzi, la disoccupazione tocca livelli astronomici, la povertà dilaga. Il paese è in ginocchio. L’Italia sembra uscita da un’altra guerra mondiale. L’unica soluzione è emanare un decreto per vendere i monumenti agli stranieri. I cinesi offrono 100 miliardi di euro per il Colosseo e i russi si prendono Pompei in cambio merce: le forniture di gas naturale all’Italia per 25 anni. Non basterà. Ma neppure si potrà tornare indietro. Il racconto di un’Europa in cui non esistono più scenari impossibili. I capitali fuggono all’estero. I bancomat chiudono. Esplode l’inflazione. Una distopia tanto possibile da sembrare vera. Per guardare oltre l’abisso sul quale il nostro paese si sta affacciando. Sergio Rizzo dialoga con Salavatore Tropea.

Lunedì 22 ottobre, ore 18: «Alimentazione 3.0: il valore del cibo e le nuove tendenze. Cucina vegana, street food, sapori esotici, cucine internazionali e tradizionali». Inizierà il 22 ottobre per concludersi il 12 novembre il nuovo ciclo di quattro incontri “#Non solo food”. Ieri, oggi e domani (della cucina) in Piemonte, promosso dal Centro Congressi dell’Unione Industriale di Torino in collaborazione con la Berruto Spa, la Camera di Commercio di Torino e l’Istituto Crédit Agricole Cariparma.

Questo nuovo ciclo di conferenze vuole analizzare la storia e lo sviluppo dell’enogastronomia in Piemonte e in Italia attraverso: prodotti, tendenze, alta cucina e aziendale del comparto alimentare del nostro tessuto industriale. La tradizione enogastronomica del Piemonte gode di fama internazionale, tanto che nelle classifiche dei ristoranti e nelle guide di settore, la regione occupa sempre i primi posti. Un successo che si deve all’abilità degli chef, maestri nell’amalgamare i sapori della tradizione a quelli della nuova cucina, ma anche alla certificata qualità dei prodotti piemontesi. Grazie alla testimonianza di alcuni fra i massimi esponenti della ristorazione italiana e dell’imprenditoria del nostro territorio verrà approfondita la ricaduta economica nel Paese. Sono proprio quelle imprese che utilizzano la creatività come fonte primaria dell’innovazione, trasformando idee innovative in prodotti e servizi, a differenz iarsi ed emergere nel proprio business. Quegli stessi marchi, noti in tutto il mondo, che hanno reso l’Italia, il Piemonte sinonimo di qualità. A diversi anni dalla nascita del “Made in Italy” (terzo marchio al mondo per notorietà dopo Coca Cola e Visa), appare necessario ricordare e ribadire il contributo che il settore alimentare ha dato, e continua a dare, all’economia del nostro territorio, alla sua universale ammirazione ed alla conoscenza del nostro Paese nel mondo.

Mercoledì 24 ottobre, ore 10, «Teatro e scrittura contemporanea», un incontro che unisce parole, immagini, fantasia e risate per scoprire e conoscere l’affascinante mondo della scrittura, del teatro e dell’illustrazione. L’opportunità di seguire i consigli di professionisti in grado di stimolare la fantasia e la voglia di creare dei partecipanti farà vivere un’esperienza, emozionante, divertente e formativa.

La regista Antonella Paglietti dialoga con gli autori teatrali Giovanni Lavia e Mauro Comba | Presto saranno disponibili i biglietti fino ad esaurimento dei posti disponibili

 

Per ulteriori info: www.centrocongressiunioneindustriale.it

 

24/10/2018 00:00
24/10/2018 00:00
Altro
Torino
Piemonte
Italia