Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail

Cerimonia di intitolazione di un piazzale torinese in ricordo di Mauro Rostagno

Facebooktwitterpinterestmail
giovedì 30 Novembre

Giovedì 30 novembre 2017 alle 10.30, presso il Teatro parrocchiale di via Val Lagarina fronte civico 28 a Torino, si tiene la cerimonia di intitolazione del piazzale compreso tra via Don Michele Rua, via Vandalino e via Pietro Abate Chanoux a ricordo di Mauro Rostagno.

 

Mauro Rostagno (Torino, 6.3.1942 – Lenzi di Valderice, Trapani, 26.9.1988)

Sociologo, giornalista e attivista italiano. Nel periodo che precede l’esperienza universitaria viaggia molto, facendo mestieri umili ma continuando a perseguire il suo desiderio di diventare giornalista. Dapprima si reca in Germania e, successivamente, in Inghilterra e Francia, dove subisce un provvedimento di espulsione.

Rientrato in Italia, si iscrive alla facoltà di Sociologia presso l’Università di Trento dove, nel 1966, diventa uno dei leader del movimento studentesco e, nel 1968, guida una pesante stagione di contestazioni. L’anno successivo è tra i fondatori di Lotta Continua. Accanto a lui, in quegli anni, vi sono personalità come Adriano Sofri, Guido Viale, Marco Boato e Giorgio Pietrostefani.

È il 1970 quando si laurea con il massimo dei voti in Sociologia con una tesi dal titolo: “Rapporto tra partiti, sindacati e movimenti di massa in Germania”. Dopo lo scioglimento di Lotta Continua, si fa promotore dell’apertura a Milano del circolo Macondo, un centro in cui confluiscono svariate attività di rilevanza artistica, sociale e culturale. Dopo l’esperienza del Macondo si reca in India dove intraprende un percorso di crescita spirituale presso la comunità degli “arancioni” di Osho.

Tornato in Italia, si trasferisce in Sicilia dove, dalla metà degli anni ottanta, lavora come giornalista e conduttore per l’emittente televisiva locale Radio Tele Cine (RTC) per conto di cui conduce interviste a Paolo Borsellino e a Leonardo Sciascia, indagando su Cosa Nostra e il suo potere e denunciando le collusioni tra mafia e politica locale. Il 26 settembre 1988 paga la sua passione sociale e il suo coraggio con la vita: viene assassinato all’interno della sua auto in un agguato nella provincia trapanese.

 

Per adesioni e info: Tel. 011/011.24012-22547-22819 – fax 011/011.23277, e-mail: iniziative.istituzionali@comune.torino.it

30/11/2017 10:30
30/11/2017 11:30
Altro
Torino
Piemonte
Italia
Via Vandalino, 99, 10142 Torino TO, Italia