«Il deserto e la fede», in Duomo serata di riflessione e mostra su Charles de Foucauld

giovedì 7 Aprile

«Il deserto e la fede» due parole chiave per stimolare la riflessione su Charles de Foucauld. Deserto e fede saranno infatti l’anima di una serata rivolta a giovani e non solo che Uelci (Unione editori e librai cattolici italiani) con la Pastorale Giovanile propone il 7 aprile 2022 alle 17.45 in Duomo a Torino.

Si tratta di un prologo in vista del prossimo Salone internazionale del Libro di Torino in cui Uelci e Diocesi di Torino proporranno una serie di incontri. «Il tema dell’edizione di quest’anno del Salone del Libro», spiega il direttore della Pastorale giovanile don Luca Ramello, «è particolarmente intrigante. ‘Cuori selvaggi’ esprime efficacemente la tensione di questi tempi: tra problemi e incertezze si riconosce l’indomita ricerca di cuori inquieti e assetati. Tra questi, i cuori dei giovani, per età e per temperamento, sono chiamati ad essere in prima linea nell’‘esplorazione’ del nuovo che avanza. La testimonianza di fede del Beato Charles de Foucauld è una potente e straordinaria provocazione per tutti i ‘cuori selvaggi’, soprattutto per i giovani. Per queste ragioni il progetto tra la Pastorale Giovanile e della Cultura e la Uelci guarda al mondo degli oratori: all’origine delle tradizioni degli oratori (romana, lombarda, piemontese) c’è il «libro», come cultura, come formazione, come strumento. Una sfi da avvincente anche per gli oratori di oggi!».

Ed ecco che la sfida del dialogo con i giovani, della loro ricerca di senso ha, due significativi protagonisti nella serata in duomo dedicata al «Fratello Universale»: don Luigi Maria Epicoco e Armando Buonaiuto. Nato a Mesagne, in Puglia, il 21 ottobre 1980 don Luigi Maria Epicoco è stato ordinato sacerdote a L’Aquila nel 2005. Insegna filosofi a alla Pontificia Università Lateranense ed è direttore della residenza universitaria San Carlo Borromeo a L’Aquila. Il 16 giugno 2021 Papa Francesco lo ha nominato Assistente ecclesiastico del Dicastero per la Comunicazione ed Editorialista de L’Osservatore Romano. Armando Buonaiuto è nato a Torino nel 1974. Curatore del festival Torino Spiritualità, collabora con la Fondazione Circolo dei lettori. Ha lavorato presso il Segretariato Sociale della Rai, occupandosi di tematiche no profit e insegnando comunicazione sociale nell’ambito di progetti di formazione giornalistica nei Balcani e in Africa. È stato tra i conduttori per Rai Radio3 della trasmissione di cultura religiosa Uomini e profeti.

Il dialogo, moderato da don Ramello, aprirà dunque uno squarcio sulle provocazioni che la spiritualità di Charles de Foucauld lancia al mondo giovanile, e proietta al tempo del Salone del libro e al confronto con il mondo della cultura al quale i giovani sono chiamati. La serata sarà trasmessa in streaming sui canali social @upgtorino.

Federica BELLO da «La Voce E il Tempo» del 3 aprile 2022

 

«Charles de Foucauld, fratello universale», mostra in Duomo a Torino

Nelle intense giornate che preparano la Pasqua un filo conduttore per la Pastorale giovanile è la spiritualità di Charles de Foucauld. Per questo oltre alla serata del 7 aprile 2022 e alla Via Crucis dell’8, nel Duomo di Torino a partire dal 4 aprile è stata allestita la mostra itinerante curata dal Pime «Charles de Foucauld, fratello universale». La mostra si compone di 12 pannelli esplicativi che ripercorrono a tutto tondo la vita del Beato e ormai prossimo Santo: si parte con una breve cronologia della sua vita (dalle origini, nobili e alsaziane, sino alla morte tra i tuareg a Tamanrasset nel 1916), nella quale non mancano alcuni affondi sulle sue iniziali peregrinazioni (dal Marocco a Nazareth e ritorno). Ben approfondita, poi, è la sua scelta di donarsi radicalmente a Dio e agli ultimi. Viene dato conto anche del suo lavoro di esploratore (fu tra i primi a spingersi in una serrata esplorazione del deserto marocco- algerino), di linguista (tradusse il Vangelo in lingua tuareg e raccolse per iscritto gran parte del patrimonio culturale di questo popolo) e di ponte fra il mondo cristiano e quello musulmano. Infine, viene dedicato spazio ai frutti spirituali della sua vita: molti ordini religiosi, infatti, sono nati ispirandosi alla sua esemplare condotta di vita ed alla sua spiritualità.

Maurizio VERSACI da «La Voce E il Tempo» del 3 aprile 2022

07/04/2022 17:45
07/04/2022 20:00
Uffici pastorali diocesani
Torino
Piemonte
Italia
Via Venti Settembre, 1023 Torino, Piemonte Italia
condividi su