Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail

Caritas, concerto di Natale a Canischio per beneficenza

Sabato 19 dicembre 2015 a partire dalle 21
Facebooktwitterpinterestmail
 Il gruppo Caritas della parrocchia di San Lorenzo Martire di Canischio organizza per sabato 19 dicembre 2015 il concerto benefico di Natale «In cor… cantando». A partire dalle 21 nella chiesa parrocchiale si esibiscono i cori «Voci del Canavese » di Cuorgnè, diretto da Gianfranco Giacoma, «In… Canto Armonico» di Torino, guidato da Giorgio Lombardi e la Cantoria di Canischio, sotto la regia di Patrizia Ferro. L’ingresso alla serata è libero e le offerte raccolte verranno interamente devolute ai progetti benefici della Caritas parrocchiale. Durante il concerto alcuni interventi approfondiscono con i presenti la dimensione della carità non solo materiale ma anche di sostegno e aiuto all’ inserimento sociale e lavorativo delle persone bisognose. Da alcuni anni presso il centro Caritas di Prascorsano, che riunisce i gruppi di Canischio e Prascorsano, sono seguite circa 65 persone in difficoltà, in maggioranza italiane. Alla distribuzione periodica di generi alimentari (due volte al mese) e di indumenti si accompagna un’attività di ascolto e condivisione.
 

«Tra coloro che si rivolgono a noi – spiegano i volontari – riscontriamo una preoccupante tendenza a lasciarsi andare, a non reagire attivamente alla mancanza di lavoro per rimettersi in gioco. Questo atteggiamento finisce con il danneggiare innanzitutto loro stessi. Per questo nel nostro agire cerchiamo di condividere il più possibile le loro difficoltà ed aspirazioni. Dalla semplice distribuzione dei generi alimentari (pur urgente e indispensabile) cerchiamo di passare all’impostazione di un cammino di reinserimento attivo. Soltanto valorizzandoli innanzitutto come persone possiamo intraprendere con loro un percorso che li faccia tornare soggetti presenti e partecipi delle nostre comunità».

Giovanni COSTANTINO

(testo tratto da «La Voce del Popolo» del 20 dicembre 2015)