Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail

«Colletta per la Casa» nelle parrocchie: come e quando

Incontro informativo martedì 5 febbraio sull'iniziativa in programma domenica 10 febbraio
Facebooktwitterpinterestmail
I dettagli sulla Colletta per la Casa saranno illustrati martedì 5 febbraio dalle 15 alle 18 presso la Curia Metropolitana (via Val della Torre 3). Le parrocchie che desiderano aderire all’invito dell’Arcivescovo potranno inviare all’incontro un loro volontario. Qui pubblichiamo una sintesi della scheda di suggerimenti operativi della Caritas diocesana in preparazione all’iniziativa. Nella sezione “Documenti” del sito è possibile leggere la lettera dell’Arcivescovo.

 
Accompagnamento. La Giornata della Casa è l’occasione per realizzare in parrocchia un piccolo percorso di accompagnamento delle famiglie in difficoltà. Parte da una «giornata di sensibilizzazione comunitaria» il 10 febbraio prossimo, in cui viene anche fatta la colletta dedicata; si protrae alcuni mesi – almeno sei – con l’accompagnamento di uno o più nuclei familiari in difficoltà nel pagare l’affitto e con un costante ritorno di animazione per tutta la comunità parrocchiale.
 
Nelle parrocchie. Il sostegno economico alle famiglie è una iniziativa che riguarda le singole parrocchie. Ma, almeno nel suo inizio, è fatta simultaneamente per dare il senso di una Chiesa in cammino di comunione. La gestione del progetto verrà fatta dalla singola parrocchia che, oltre cercare i fondi necessari, identificherà la o le famiglie da seguire tra quelle del proprio territorio. Nella elaborazione dei passi concreti da fare potrà chiedere l’aiuto alla Caritas Diocesana che offrirà l’appoggio per ben sfruttare le opportunità già presenti sul territorio ed, eventualmente, rafforzare le risorse a disposizione della comunità locale.
 
Preparare la Colletta. Per avviare al meglio il percorso si suggerisce di dare l’annuncio della colletta con sufficiente anticipo, di dare rilievo il 10 febbraio alla raccolta e, subito dopo, provare ad identificare il o i nuclei da seguire, magari coinvolgendo anche gli operatori pastorali che possono conoscere situazioni più nascoste e meno aiutate. Puntiamo sulla qualità e non sulla quantità.
 
Obiettivo casa. L’obiettivo della iniziativa è il sostegno alla «casa». Pertanto i destinatari dovranno essere esclusivamente famiglie che, a causa della presente crisi economica, si trovano nella situazione di essere morosi incolpevoli rispetto al pagamento dell’affitto. Italiani o stranieri, non c’è differenza. L’intervento è di natura prevalentemente preventiva e va rivolto a chi sta diventando moroso, non a chi ha già l’intimazione di sfratto o chi è da tempo senza casa. È importante che il nucleo familiare prescelto non abbia già altri sostegni al reddito o non sia già inserito in programmi di aiuto. Si suggerisce di dare una priorità ai nuclei più fragili, tra i quali: i nuclei monogenitoriali con figli a carico e con ingressi economici saltuari, anziani soli ed abbandonati, famiglie con gravi problemi sanitari.
 
La Caritas diocesana. Per realizzare gli obiettivi è possibile avvalersi dell’appoggio progettuale e di piccolo sostegno economico da parte di Caritas Diocesana. Il parroco o un suo delegato può contattare la Caritas inviando una mail all’indirizzo caritas@diocesi.torino.it in cui fa riferimento al progetto, curando di indicare i modi per poter essere ricontattata. Sarà la Caritas, nel minor tempo possibile, a farsi sentire per fissare un incontro. Non inviare mai in Caritas i possibili beneficiari.