Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail
11 Maggio 2021

Diocesi in festa per l’ordinazione di due nuovi diaconi

Celebrazione sabato 22 maggio 2021 presieduta dall’Arcivescovo in Cattedrale e anche in streaming
Ordinazioni diaconali in Duomo a Torino nel 2017 (foto: Massimo Masone_LaVoceEilTempo)
Facebooktwitterpinterestmail

Le misure per arginare la pandemia hanno impedito nel 2020 le ordinazioni diaconali, ma non hanno certo bloccato l’opera dello Spirito e neanche la possibilità di amare, anzi! Cosi, i cammini di formazione al ministero ordinato sono continuati. Quest’anno anche quattro aspiranti della diocesi di Susa si sono uniti ai venti di Torino.

Le nuove condizioni hanno permesso di programmare per sabato 22 maggio 2021, alle ore 10, in Cattedrale a Torino, le ordinazioni.

Il vescovo Cesare ha imposto le mani su Francesco Del Conte, geometra, della parrocchia Madonna di Fatima, al Fioccardo, e su Giuseppe Mura, impiegato, della parrocchia di Volpiano.

È stato possibile partecipare in presenza, fino all’esaurimento dei posti disponibili in Cattedrale.

Si è potuta comunque seguire celebrazione in diretta su YouTube dalla seguente preview video:

«Incontrare i nuovi aspiranti e stare insieme a loro in questi anni è stata una delle consolazioni che il Signore ha preparato per il mio ministero», scrive don Claudio Baima Rughet, delegato arcivescovile per il Diaconato permanente. «Uomini capaci e impegnati, umili e simpatici che per fede si incamminano su un percorso impegnativo di vita fraterna, di studio e di collaborazione pastorale sono per me motivo di grande ammirazione. Si vivono anni trepidanti e coinvolgenti perché accompagnati da un’opera continua di discernimento condiviso dal candidato e dal gruppo dei formatori nel valutare le varie condizioni della vita.

Le loro famiglie, poi, con le spose e i figli, rendono il clima del gruppo quello di una grande famiglia, non perché non ci siano problemi, e neanche perché non ci siano difetti (anzi!), ma perché si impara a volersi bene ed a godere dei doni di ciascuno, nella stima reciproca».

Chiedo a tutti di accompagnali con la preghiera, grati per l’impegno profuso e fiduciosi che il Signore non abbandona mai il suo popolo e continua ad associare nuovi “pescatori” al servizio dei suoi Apostoli nella storia».

In allegato la pagina del settimanale diocesano «La Voce E il Tempo» del 23 maggio 2021 con la presentazione biografica dei due nuovi diaconi.