Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail
29 Gennaio 2011

Don Giovanni Coccolo, un dono per la Chiesa di Torino

Comunicato stampa del 29/01/2011
Facebooktwitterpinterestmail
ARCIDIOCESI DI TORINO
UFFICIO COMUNICAZIONI SOCIALI
Via Val della Torre 3, 10149 Torino
Tel. 011.5156315 – fax 011.8283110 – comunicazioni@diocesi.torino.it
 

Con l’approvazione e l’incoraggiamento dell’arcivescovo Mons. Cesare Nosiglia e con la partecipazione di Mons. Piero Coda, presidente dei Teologi italiani,

 
domenica 6 febbraio
a Torino, in via Cottolengo 12,
nella “Sala Convegni” della Piccola Casa della Divina Provvidenza,
dalle ore 15 alle 18,
 
ricorderemo don Giovanni Coccolo in occasione del primo anniversario della sua morte.
Più che un momento celebrativo sarà una opportunità per rivivere, con chi lo ha conosciuto, qualche esperienza significativa che metta in rilievo quanto bene ha donato a tanta gente.
Dopo aver svolto, per diversi anni, il suo ministero nel Santuario della Consolata, don Giovanni è stato parroco a Cafasse e a San Gioacchino in Torino. In seguito ha svolto i compiti di Vicario episcopale nel di-stretto di Torino Sud-Est e poi di Rettore del Seminario Teologico.
Ultimamente era parroco a Sant’Agostino in Torino. Dovunque, oltre che con le persone a lui affidate, coltivò rapporti molto positivi anche con persone delle istituzioni pubbliche.
Ora, proprio perché ha avuto mansioni così importanti ed ha operato in luoghi così diversi, vorremmo ricordare don Giovanni con una iniziativa che possa coinvolgere coloro che lo hanno incontrato riportando alcune testimonianze in proposito.
Che questo incontro avvenga al Cottolengo è particolarmente significativo anche perché lì è stato ricoverato per qualche tempo e, vivendo con spirito di fede anche la prova della sofferenza fisica, ha lasciato una serena testimonianza di vita.
Altrettanto provvidenziale la presenza di Mons. Piero Coda che maturò la vocazione sacerdotale proprio negli anni in cui don Giovanni era suo parroco a Cafasse. Partendo dalla propria esperienza ci aiuterà a comprendere la radice, i sentimenti profondi, le motivazioni più vere che hanno scolpito la personalità ed il carattere di don Giovanni e permeato la sua azione pastorale così aderente al Concilio Vaticano II. Ci aiuterà a scoprire come abbia fatto a raggiungere quella straordinaria capacità di farsi tutto a tutti che ha dato profumo alla sua vita.
(don Ferruccio Gambaletta Santuario della Consolata – Torino)
 
Segnaliamo, inoltre, un’ iniziativa della Parrocchia di Cafasse. domenica 30 gennaio sarà celebrata alle ore 15,30 una Santa Messa in suffragio dei due fratelli Coccolo, d. Enrico e d. Giovanni, già parroci a Cafasse. Al termine, nel cimitero, sarà benedetta una lapide in loro ricordo.
 

 


Il Direttore dell’Ufficio Comunicazioni Sociali
Don Livio DEMARIE
+39 377 1168020