Benvenuti nel sito della Chiesa Cattolica di Torino

Seguici su
Facebooktwitterrssyoutubeinstagrammail

Mons. Nosiglia alla Messa in ricordo dei senza fissa dimora defunti

Appuntamento in Duomo martedì 23 febbraio 2021 nel 38° anniversario della morte di Modesta Valenti
Mons. Nosiglia alla celebrazione per i senza fissa dimora defunti ai Santi Martiri il 9 febbraio 2020 (foto: Renzo Bussio)
Facebooktwitterpinterestmail

Martedì 23 febbraio 2021, ore 18, nel Duomo di Torino, l’Arcivescovo di Torino S.E. Mons. Cesare Nosiglia ha celebrato la Santa Messa annuale in ricordo di Modesta Valenti, organizzata dalla Comunità di Sant’Egidio.

Modesta era una senza fissa dimora, di 71 anni, che viveva nei pressi della Stazione Termini, dove si rifugiava la notte per dormire. Il 31 gennaio 1983 Modesta si sentì male proprio alla Stazione Termini e l’equipaggio dell’ambulanza che accorse alla chiamata non volle prenderla a bordo perché, a causa delle condizioni in cui viveva, era sporca e aveva i pidocchi. Modesta morì dopo ore di agonia, in attesa che qualcuno decidesse di prestarle soccorso.

La sua morte ha segnato profondamente l’amicizia della Comunità di Sant’Egidio con chi è senza dimora. Per questo, nell’anniversario della sua scomparsa, si fa memoria nella liturgia di tutti gli “amici per la strada” a cui la Comunità si è fatta prossima che hanno perso la vita, ricordando ciascuno per nome. Con loro la Comunità, attraverso il servizio delle mense, le cene itineranti, i luoghi di accoglienza, ha intessuto negli anni rapporti di prossimità e di familiarità, nel tentativo di migliorare le difficili condizioni della loro vita.

La memoria di Modesta e degli amici per la strada, da Roma si è diffusa in tanti luoghi dove la Comunità è vicina a chi vive e muore senza dimora, tra cui Torino, dove negli ultimi mesi sono morti in circostanze simili Mostafa Hait Bella e Radu Chirinbuta.

In riferimento a questo fatto tragico, il 13 febbraio 2021 mons. Nosiglia ha lanciato un appello alla comunità diocesana a fare un ulteriore sforzo di accoglienza verso questi fratelli in difficoltà.